Il Comune di Agrigento a sostegno dei nuovi poveri - QdS

Il Comune di Agrigento a sostegno dei nuovi poveri

Irene Milisenda

Il Comune di Agrigento a sostegno dei nuovi poveri

sabato 21 Novembre 2020 - 00:00
Il Comune di Agrigento a sostegno dei nuovi poveri

Le conseguenze della pandemia hanno colpito con enorme gravità il tessuto economico locale. L’assessore Marco Vullo: “Stiamo lavorando per venire incontro alle esigenze di tutti”

AGRIGENTO – L’emergenza sanitaria legata al Coronavirus sta incidendo anche sulle condizioni economiche e sociali delle famiglie. La pandemia ha pesato con il suo carico di attività chiuse o sospese, posti di lavoro persi, bisogni di assistenza aumentati, e lo ha fatto in un contesto che, seppur in lieve ripresa, era già segnato da molte difficoltà.

Tra i nuovi poveri, quelli che per la prima volta hanno sperimentato condizioni di disagio e di deprivazione economica tali da dover chiedere aiuto, prevalgono i disoccupati, le persone con impiego irregolare fermo a causa delle restrizioni imposte dal lockdown, i lavoratori dipendenti in attesa della Cassa integrazione ordinaria o in deroga e i precari o intermittenti che, al momento della presa in carico, non godevano di ammortizzatori sociali.

Insomma, per molti c’è bisogno di aiuti concreti e il Comune di Agrigento ha rimesso in moto la macchina della solidarietà. Sono in distribuzione, infatti, buoni spesa per un importo totale di 350 mila euro da utilizzare entro il 31 dicembre. Non solo, è già stato pubblicato un nuovo avviso, con scadenza il 7 dicembre, per nuovi sussidi da spendere nelle attività commerciali convenzionate. Per accedere a questi servizi occorre registrarsi sul sito del Comune sulla piattaforma “Social bonus”, predisporre una istanza telematica da stampare e inviare alla mail servizio.protocolo@comune.agrigento.it.

“Questo assessorato – ha detto l’assessore alle Politiche sociali, Marco Vullo – sta lavorando concretamente per venire incontro alle esigenze dei poveri tradizionali, ma anche dei nuovi poveri, un fenomeno in crescita ormai del 120%. Vogliamo anche creare un banco alimentare unico per la città, con l’obiettivo di dare la possibilità agli imprenditori locali, ma anche alle aziende nazionali titolari di grandi marche, di contribuire a creare risorse da distribuire ai più poveri”.

Recuperato, inoltre, con una proroga fino al 31 dicembre 2020, il finanziamento di centomila euro che la precedente Amministrazione aveva ricevuto dall’associazione Terzo Pilastro. Risorse che, tra l’altro, non tengono conto di alcuni parametri previsti negli altri buoni spesa.

“Stiamo lavorando – ha concluso Vullo – anche per creare uno Sportello sociale d’ascolto. Una sorta di segreteria sociale per ascoltare i cittadini che chiederanno aiuto, per qualsiasi cosa”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684