Caltanissetta, per non dimenticare Nassyria - QdS

Caltanissetta, per non dimenticare Nassyria

Annalisa Giunta

Caltanissetta, per non dimenticare Nassyria

giovedì 17 Settembre 2020 - 00:00
Caltanissetta, per non dimenticare Nassyria

La Giunta Gambino ha deliberato l’intitolazione dopo un’iniziativa partita dal consigliere Aiello (Lega). La proposta attende adesso il via libera di Prefettura e Soprintendenza ai Beni culturali

CALTANISSETTA – Sarà intitolato alla memoria dei caduti di Nassirya il piazzale retrostante al monumento dei caduti di viale Regina Margherita. È quanto deliberato dalla Giunta retta dal sindaco Roberto Gambino.

Tra i vari compiti previsti, infatti, l’Amministrazione comunale può intitolare vie e piazze, nel rispetto della normativa vigente, con il fine ultimo di tutelare la storia toponomastica del territorio e di garantire che le denominazioni rispettino l’identità culturale e civile del paese.

Una scelta, quella dell’Esecutivo, sostenuta anche dal Consiglio comunale che, a seguito della mozione presentata dal consigliere della Lega Oscar Aiello, con la deliberazione n. 40 del 21/11/2019 aveva impegnato il sindaco e la Giunta ad attivare le procedure necessarie finalizzate alla intitolazione di una via, strada o piazza di Caltanissetta alla memoria dei “Caduti di Nassiriya”.

Un’occasione per ricordare quanto accaduto il 12 novembre del 2003, quando un camion cisterna pieno di esplosivo, condotto da due kamikaze, scoppiò davanti alla base militare italiana di Nassiriya, in Iraq, provocando la morte di 28 persone tra militari e civili, di cui 19 italiani impegnati nella missione italiana con finalità di mantenimento della pace denominata “Antica Babilonia”.

“Su input del consigliere comunale Oscar Aiello – ha affermato il sindaco Roberto Gambino – e della delibera dello stesso Civico consesso abbiamo portato avanti l’iter individuando l’area che ci è sembra più opportuna per ricordare il vile gesto avvenuto nei confronti dei nostri militari impegnati nella missione e degli altri caduti di Nassiriya. Un modo per ricordare concittadini che hanno servito la patria sino all’estremo, caduti in guerra per la causa nazionale”.

L’istanza sarà adesso inoltrata alla Prefettura di Caltanissetta e alla Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali per il nulla osta, trattandosi di un’area vincolata.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684