Coppa Italia, Atalanta-Juve, coprifuoco spostato per i tifosi - QdS

Coppa Italia, Atalanta-Juve, coprifuoco spostato per i tifosi

web-gl

Coppa Italia, Atalanta-Juve, coprifuoco spostato per i tifosi

web-gl |
mercoledì 19 Maggio 2021 - 09:14

Gli stessi che "ritoreranno a casa", a riempire gli stadi. Il pubblico che infatti siederà al Mapei Stadium, teatro della finale di Coppa Italia, avrà una deroga al coprifuoco.

Le nuove colonne d’Ercole fissate dalla pandemia – oltra la paura del contagio e le restrizioni anticovid – hanno investito non solo lo spazio ma anche il tempo. E’ come se spazio e tempo, a causa del covid 19, si fossero eclissati nella nube di una uggiosa quotidianità, nella fattispecie nel grande corpo celeste dello sport; eppure, spiragli di normalità dal gusto pre pandemico, potrebbero già intravedersi oggi, al Mapei Stadium di Sassuolo, a Reggio Emilia.

Questa sera, infatti, nello stadio che abitualmente ospita le partite casalinghe del Sassuolo, Atalanta-Juventus disputeranno la finale di Coppa Italia. E, in un ritrovato connubio spazio-temporale ecco di nuovo il pubblico allo stadio.

Con il dovuto distanziamento, certo; con una percentuale d’ingressi ridotta, è ovvio, perché sarà ammesso solo il 20% dei tifosi, cioè circa 4.300 spettatori. E gli stessi dovranno rispettare i dettami dell’app gratuita Mitiga, promossa dalla Serie A, per un ingresso sicuro.

Ma, occorre ripeterlo: ecco di nuovo i tifosi allo stadio. E a proposito delle colonne d’Ercole relative al coprifuoco: deroghe per i tifosi che seguiranno il match (Atalanta-Juventus avrà inizio alle ore 21.00 CET). E anche dopo il triplice fischio del direttore di gara – arbitrerà Davide Massa di Imperia – sarà suggestivo per i tifosi tornare a casa guidando per una Sassuolo deserta, dove solo una delle due compagini festeggerà per la vittoria del trofeo.

Ma forse, occorre dirlo, rivedere i tifosi allo stadio è già una vittoria per tutto il calcio italiano.



Gioacchino Lepre

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684