Coronavirus, a Catania screening ematico sugli anticorpi - QdS

Coronavirus, a Catania screening ematico sugli anticorpi

redazione web

Coronavirus, a Catania screening ematico sugli anticorpi

giovedì 02 Aprile 2020 - 12:15
Coronavirus, a Catania screening ematico sugli anticorpi

Al via nella struttura del Policlinico universitario. Il test, che si integra con il tampone, consente risultati in venti minuti e permette anche l'individuazione dei soggetti asintomatici. Possibili anche cento dosaggi al giorno.

A Catania è possibile individuare la presenza di anticorpi del Covid-19 nel sangue, con una risposta in venti minuti, grazie allo screening ematico, un metodo già testato in Cina, avviato nel laboratorio di ricerca del Policlinico universitario.

“Il dato ottenuto con l’analisi del sangue su anticorpi IgG e IgM – ha spiegato il prof. Nunzio Crimi, ordinario di Malattie dell’apparato respiratorio – ci permette di avere un quadro clinico più completo e soprattutto di definire i casi di polmonite da Covid da quelli no-Covid e di individuare i soggetti asintomatici”.

“Il laboratorio – ha aggiunto – può effettuare anche cento dosaggi al giorno e ha già avviato una collaborazione con i reparti Malattie infettive del San Marco e di Medicina d’urgenza del Policlinico.

“Lo screening ematico – ha sottolineato Crimi – ci permette di ottenere una risposta in venti minuti sulla presenza nel sangue degli anticorpi IgG e IgM rivolti al Covid-19. Questo dato non sostituisce, ma si integra con quello del tampone. È molto utile perché in tempi brevi possiamo effettuare una diagnosi da Covid-19, aumentando così la sensibilità diagnostica”.

Il docente ha spiegato che il test consente, inoltre, un migliore monitoraggio dei pazienti affetti da Covid “e anche di individuare i soggetti asintomatici perché il dosaggio mi consente di classificare e di definire l’ipotesi di positività del soggetto asintomatico”.

“Ovviamente – ha concluso il prof. Crimi – il dato dello screening ematico si aggiunge agli altri per un quadro clinico più completo e quindi al dato epidemiologico relativo ai contatti con altre persone positive; al dato sintomatologico (febbre alta, astenia, dolori muscolari, rinocongiuntivite, mal di gola, affanno respiratorio nella fase più acuta; al dato del laboratorio, il tampone; all’esame radiologico, la tac al torace”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684