Coronavirus, conseguenze economiche più pesanti al Sud - QdS

Coronavirus, conseguenze economiche più pesanti al Sud

redazione web

Coronavirus, conseguenze economiche più pesanti al Sud

sabato 06 Giugno 2020 - 17:03
Coronavirus, conseguenze economiche più pesanti al Sud

Lo ha affermato il vicepresidente della Regione e assessore all'Economia Gaetano Armao, che ha sottolineato come in Sicilia la situazione sia drammatica in particolare per Turismo e Servizi. "Roma ha offerto soluzioni eguali a un Italia profondamente divisa sul piano sociale ed economico"

“Al Sud, gli effetti della crisi post pandemica saranno più pesanti per due fattori: per prima cosa, il Sud ha incrociato la crisi quando ancora doveva recuperare 13 punti di Pil su quella del 2008-10. Questo a causa di evidenti politiche antimeridionali. Adesso si sprofonda di altri 10/12 punti e il bilancio è pesantissimo; in secondo luogo, per la preminenza di attività precarie, a partire dai servizi e dal turismo, la presenza di un 25% di economia sommersa e la debolezza sul piano del merito bancario”.

Lo ha detto il vicepresidente della Regione siciliana e assessore all’Economia, Gaetano Armao, in un’intervista al blog “Se è così”.

“Il governo centrale, purtroppo, ha prediletto il ricorso al credito, con notevoli difficoltà per le imprese e i professionisti – aggiunge – e le somme da erogare a fondo perduto sono in misura non adeguata per il recupero di quanto è stato travolto. Del resto, le previsioni del Governatore di Banca d’Italia confermano le nostre proiezioni economiche sulla Sicilia”.

“Nel settore del turismo – osserva Armao – le cose vanno malissimo. Far ripartire una fabbrica di piastrelle è cosa ben diversa dal riattivare un albergo. E poi in periodo di lockdown, mentre la fabbrica ha potuto utilizzare il magazzino, l’albergo ha perso derrate e clientela. Oggi, poi, si aggiungono altre difficoltà, perché la ripresa dell’attività è impedita o ostacolata dai vincoli del distanziamento interpersonale e dai divieti sulla mobilità interregionale e internazionale. A voler essere realisti, questo sarà un anno di sopravvivenza per preparare la nuova stagione 2021”.

“Quanto al commercio – prosegue Armao – la grande distribuzione e le vendite on-line hanno incrementato vendite e profitti, mentre i piccoli commercianti, soprattutto il no-food, hanno subito gravi perdite spesso paralizzanti anche per l’attività futura. Il settore che soffre in particolare di più è l’abbigliamento, poiché non dispone di liquidità per i nuovi acquisti, non avendo effettuato vendite”.

“Roma ha offerto soluzioni eguali a un Italia profondamente divisa sul piano sociale ed economico, proprio quando la crisi ha aumentato le differenze – conclude Armao – La Regione è intervenuta, anticipando lo Stato, sia con misure di finanziamento sia con misure direttamente a fondo perduto e a sostegno dei costi fissi, Inoltre, abbiamo dato copertura ai comuni per le minori entrate, per l’assegnazione gratuita del suolo pubblico e il suo incremento, per garantire l’assistenza alimentare, cercando di offrire soluzioni calibrate alle caratteristiche dell’economia isolana”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684