Coronavirus, Decreto, protesta dei Sindacati - QdS

Coronavirus, Decreto, protesta dei Sindacati

redazione web

Coronavirus, Decreto, protesta dei Sindacati

lunedì 23 Marzo 2020 - 09:38
Coronavirus, Decreto, protesta dei Sindacati

Il Governo avrebbe allungato l'elenco concordato delle aziende che potevano continuare a lavorare. Cgil Cisl e Uil minacciano uno sciopero generale chiedendo, inoltre, un incontro urgente ai ministeri di Sviluppo economico ed Economia


Ieri hanno aspettato tutto il giorno i sindacati il Dpcm annunciato dal premier Conte con l’elenco delle attività produttive ritenute strategiche e quindi autorizzate dal governo a restare aperte. E quando alla fine lo hanno visionato, hanno ritenuto che fosse diventato troppo lungo fino a includere anche “settori come l’edilizia, il tessile, la meccanica e il commercio all’ingrosso che nulla hanno a che vedere con la produzione di prodotti elettromedicali e anticoronavirus”.

Così, ieri a tarda sera, i leader di Cgil Cisl e Uil hanno deciso di protestare con l’esecutivo: “Siamo pronti a proclamare in tutte le categorie che non svolgono attività essenziali lo stato di mobilitazione e la conseguente richiesta del ricorso alla cassa integrazione, fino ad arrivare allo sciopero generale”.

“Non era questo – hanno scritto – quello che avevano prospettato al tavolo di palazzo Chigi. Siamo molto irritati. Così si rischia un Dpcm inaccettabile perché è inutile al fine di contenere il contagio allargare così le maglie dello stop imposto al settore manufatturiero: si era parlato di farmaceutica e agroalimentare”.

E invece le maglie si sono ampliate fino a includere settori affini a quelli strategici.

“Ma se allarghi le maglie alla fine si infilano tutti”, hanno sottolineato i Sindacati.

A rendere più complicato il quadro, anche la lettera che il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia aveva inviato al premier Conte, per chiedere di “contemperare la “stretta” decisa ieri con alcune esigenze prioritarie del mondo produttivo”.

Cgil Cisl e Uil hanno quindi invitato le proprie categorie e le Rsu dei settori aggiunti nello schema del decreto che non rispondono alle caratteristiche di attività essenziali a mettere in campo tutte le iniziative di lotta e di mobilitazione fino alla proclamazione dello sciopero”, chiedendo, inoltre, un incontro urgente al ministero dello Sviluppo economico e al ministero dell’Economia e delle Finanze finalizzato a modificare l’elenco.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684