Coronavirus, gravide e neomamme più a rischio depressione - QdS

Coronavirus, gravide e neomamme più a rischio depressione

redazione web

Coronavirus, gravide e neomamme più a rischio depressione

lunedì 15 Giugno 2020 - 00:02
Coronavirus, gravide e neomamme più a rischio depressione

Per gli effetti connessi all'emergenza sanitaria dovuta alla pandemia. Secondo l'Istituto superiore di Sanità le cause risiedono nell'isolamento e nella paura del virus che si sommano a una inevitabile riduzione dei servizi


Le donne in gravidanza e le neomamme possono soffrire particolarmente gli effetti psicologici della pandemia da coronavirus, vero e proprio “fattore di rischio” per la depressione legata al parto.

E’ quindi “cruciale supportare le donne a rischio di ansia e depressione” così da garantire “un trattamento efficace anche in caso di distanziamento sociale”.

A spiegarlo sono le “Indicazioni di un programma di intervento per la gestione dell’ansia e della depressione perinatale nell’emergenza e post-emergenza Covid”, pubblicate dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss).

“Il diffuso sentimento di paura nei confronti del contagio dal virus” e la riduzione dei contatti con gli altri, vanno infatti a sommarsi alle difficoltà emotive tipiche di questa fase delicata della vita della donna, “aumentando la possibilità di disturbi mentali”.

Per effetto del lockdown, inoltre, “è venuta a mancare la presenza fisica di parenti e amici che costituisce un fattore protettivo per il rischio di suicidi”.

Infine, a causa delle politiche di contenimento dei contagi, l’accesso ai servizi dedicati alla salute mentale “è stato limitato alle sole urgenze, rendendo così difficile accogliere le richieste della popolazione”. Tutto ciò, “contribuisce ad alimentare uno stato d’ansia e preoccupazione che può avere conseguenze gravi”.

Dato che, anche nella fase del post-emergenza “l’accesso ai servizi continua ad essere limitato”, scrive l’Iss, “è necessario ripensarne l’organizzazione”. Gli step sono monitorare i fattori di rischio e fare uno screening precoce delle persone a rischio, attuare interventi individuali o di gruppo, anche a distanza tramite piattaforme di comunicazione on line e App dedicate.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684