Coronavirus, in hotel dieci dimessi dagli ospedali di Catania - QdS

Coronavirus, in hotel dieci dimessi dagli ospedali di Catania

redazione web

Coronavirus, in hotel dieci dimessi dagli ospedali di Catania

lunedì 06 Aprile 2020 - 12:28
Coronavirus, in hotel dieci dimessi dagli ospedali di Catania

Un albergo di Acireale trasformato in "struttura collettiva di assistenza" grazie a una convenzione con l'Asp. Pazienti guariti ma con tampone ancora positivi. Il dg Lanza, "Alleggeriamo la pressione sugli ospedali". A Palermo otto positivi trasferiti al San Paolo Palace 

L’Hotel Ibis Styles di Acireale ospita i primi dieci pazienti guariti clinicamente da Covid-19 dimessi da ospedali di Catania, ma con tampone ancora positivo e per i quali è disposto un periodo di quarantena.

Provengono cinque dal Cannizzaro, tre dal Garibaldi Nesima e due dal San Marco.

E’ il primo albergo della provincia ad essere attivato come “struttura collettiva di assistenza” per “garantire l’isolamento di: pazienti paucisintomatici, senza necessità di ricovero; pazienti appena positivizzati al tampone; pazienti dimessi dagli ospedali in condizioni stabili, ma ancora positivi; pazienti in assenza di tampone per i quali è stata individuata la necessità clinica di un periodo di quarantena”.

Il servizio fa seguito a una convenzione fra l’Asp di Catania e l’Hotel Ibis style, che a regime potrebbe ospitare 60 pazienti, nella cornice delle misure disposte dal Presidente della Regione Siciliana per la gestione e il contenimento dell’emergenza pandemica sul territorio regionale.

“Con questo servizio – spiega il direttore generale dell’Asp di Catania, Maurizio Lanza – rinforziamo la rete territoriale per la gestione dell’emergenza. In questo modo alleggeriamo anche la pressione sugli ospedali e diamo una risposta concreta a tanti abitanti del nostro territorio”.

Due pazienti del Cannizzaro già portati in albergo

E’ stata l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro a trasferire i primi due pazienti nell’albergo.

Sono un uomo e una donna dimessi da Malattie infettive, stabilizzati clinicamente e ormai asintomatici, in attesa di essere sottoposti a tampone rino-faringeo.

Il trasporto è stato effettuato dalla Croce Rossa Italiana.

L’accordo con l’azienda Cannizzaro prevede l’impiego di mezzi con idonea dotazione e in particolare di una unità attrezzata per l’alto biocontenimento, che il comitato di Catania della Cri utilizza nelle attività di sanità pubblica autorizzate dal ministero della Salute.

Una equipe dell’Asp al lavoro nell’hotel
L’equipe dell’Asp di Catania che lavora nell’hotel, formata preventivamente, è composta da infermieri e ausiliari con la collaborazione di medici, psicologi, assistenti sociali che lavorano sul territorio, con il coordinamento affidato al dottore Mario Raspagliesi, infettivologo del Cannizzaro.

Il progetto prevede, oltre l’organizzazione sanitaria, che consente di seguire il paziente sia sotto il profilo medico, psicologico, sociale, anche l’erogazione dei servizi alberghieri.

A Palermo otto positivi trasferiti al San Paolo Palace

A Palermo intanto i primi otto pazienti positivi al Covid 19 e asintomatici sono ospitati da oggi nel San Paolo Palace, l’hotel che ha chiuso un accordo con la Regione siciliana per una temporanea riconversione nei giorni dell’emergenza Coronavirus.

I pazienti sono tutti in quarantena.

Nella struttura alberghiera sono accolti anche alcuni pazienti guariti che si trovavano all’ospedale Covid di Partinico, tra cui un’anziana di 92 anni assistita alla Rsa Villa delle Palme di Villafrati.

Alcuni sono in attesa del secondo tampone.

Nell’hotel, che era nelle mani di Cosa nostra prima della confisca e che è gestito da una società per conto dell’Agenzia nazionale per i beni confiscati, ci sono 240 camere.

La Regione ha chiesto la disponibilità di 150 stanze.



0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684