Coronavirus, Irfis, aiuti alle aziende danneggiate - QdS

Coronavirus, Irfis, aiuti alle aziende danneggiate

redazione web

Coronavirus, Irfis, aiuti alle aziende danneggiate

giovedì 23 Aprile 2020 - 12:34
Coronavirus, Irfis, aiuti alle aziende danneggiate

In due settimane evase le centinaia di richieste di adesione alle misure nazionali e regionali che prevedono la moratoria straordinaria dei prestiti e delle linee di credito. Particolarmente rilevante il Fondo Sicilia

Moratoria per i mutui 2020, contributi a fondo perduto per i finanziamenti erogati dalle banche alle aziende danneggiate dall’emergenza Covid, convenzione con Ircac e Crias per il sostegno alle imprese artigiane e cooperative.

Sono queste alcune delle misure straordinarie già adottate dall’Irfis su volontà del governo Musumeci per dare sostegno all’economia e alle imprese siciliane colpite dall’emergenza Covid -19.

Sono centinaia, in particolare, le richieste di adesione alle misure nazionali e regionali che prevedono per le imprese danneggiate da Covid-19 la moratoria straordinaria dei prestiti e delle linee di credito: in appena due settimane sono state esitate positivamente 170 pratiche, la quasi totalità delle richieste presentate.

Di particolare rilievo, per la utilità di creare pronta liquidità, sono le misure attivate sul Fondo Sicilia.

La prima iniziativa è relativa alle Misure Straordinarie di Liquidità di concerto con altri istituti di credito dopo la firma della Convezione con l’Abi.

Si tratta di un intervento di trenta milioni a fondo perduto, erogato a sportello dall’Irfis a favore delle banche e degli intermediari finanziari che abbiano concesso alle imprese (con sede in Sicilia) danneggiate dal Covid – 19, finanziamenti fino a centomila euro. La seconda misura, sempre a valere sul Fondo Sicilia, prevede l’attivazione di due linee di finanziamento in favore di Ircac e Crias (del valore di otto milioni ciascuna) per l’espletamento della loro attività istituzionale di sostegno alle cooperative e alle imprese artigiane.

“Le imprese siciliane hanno bisogno di aiuto. Abbiamo attivato con la massima celerità tutte le misure di sostegno alle imprese volute dal governo regionale a valere sul Fondo Sicilia. Nell’ultima settimana, in particolare, utilizzando le risorse pubbliche della Regione Siciliana, il comitato ha già deliberato crediti di esercizio per diversi milioni – ha dichiarato il presidente dell’Irfis, Giacomo Gargano -. Inoltre, i trenta milioni di contributo a fondo perduto previsti dalla giunta Musumeci, su proposta dell’assessore alla economia Armao, attiveranno nel sistema una leva finanziaria di quasi seicento milioni, dei quali già cento sono stati erogati sotto forma di finanziamento alle imprese da parte delle banche”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684