Covid, Sicilia, indice di positività giù, ma nuove zone rosse - QdS

Covid, Sicilia, indice di positività giù, ma nuove zone rosse

redazione web

Covid, Sicilia, indice di positività giù, ma nuove zone rosse

martedì 12 Gennaio 2021 - 06:30
Covid, Sicilia, indice di positività giù, ma nuove zone rosse

Il tasso, secondo l'ultimo bollettino, è sceso al diciotto per cento. Dopo Messina, "chiuse" Ravanusa e Santa Flavia, prorogata Capizzi, si teme per Gela. Salgono le multe per assembramento a Palermo

Si allenta leggermente la morsa del covid sulla Sicilia, dove nei giorni scorsi si era sfiorato un tasso di positività del 20%, il più alto in Italia.

Secondo i dati del report quotidiano diffuso ieri dal Ministero della Salute, sono 1.587 i nuovi casi nell’Isola su 8.698 tamponi processati, con un tasso che scende al 18,2%.

Era stato proprio l’elevato numero di contagi a far scattare, da ieri e fino a venerdì prossimo, l’inserimento della Sicilia tra le regioni in area “arancione” da parte del Ministero, e di alcune città – come Messina e Ramacca e Castel di Iudica, nel Catanese – in “zona rossa” per decisione del Governatore Nello Musumeci.

Ravanusa e Santa Flavia “zone rosse”

E lo stesso Musumeci ha annunciato ieri sera che i Comuni di Ravanusa, in provincia di Agrigento, e di Santa Flavia, nel Palermitano, diventeranno “zona rossa”.

Il provvedimento è stato preso d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, sulla base delle relazioni delle Asp competenti e sentiti i sindaci delle amministrazioni coinvolte.

La “zona rossa” nei Comuni di Ravanusa e Santa Flavia scatterà da domani e sarà in vigore sino a domenica 31 gennaio.

Contestualmente, è stata decisa la proroga di un’altra “zona rossa” attualmente in vigore, quella di Capizzi, in provincia di Messina.

Con la nuova ordinanza, appena firmata, i divieti in vigore già dal tre gennaio sono stati estesi fino al 25 gennaio.

Allarme contagi a Gela

E ieri il sindaco di Gela Lucio Greco, al termine dell’incontro con i vertici dell’Asp di Caltanissetta, ha detto che “Allarmano sempre di più i numeri del contagio”.

“A Gela – ha detto -, la curva non accenna a migliorare. Gli attuali positivi sono 737, e, in base al nuovo Dpcm che dovrebbe entrare in vigore il 15 gennaio, questi sono già dati che proiettano verso la zona rossa. I focolai sono passati dai venti della settimana scorsa a quaranta, ancora tutti sotto controllo ma emblema di un virus che circola tantissimo e in ambienti molto diversi tra loro. Servono, dunque, misure drastiche”.

Greco ha firmato un’ordinanza che proroga la chiusura di nidi, asili e scuole dell’infanzia in città fino al sedici gennaio, giorno in cui è previsto il rientro in aula anche degli alunni di elementari e medie.

Le feste responsabili del contagio

“L’Asp è stata chiara – ha detto Greco – va proclamata la zona rossa. Torno a dire che la situazione è critica e le feste che in tanti hanno passato riuniti nelle case come se nulla fosse ci ha consegnato una città da zona rossa. Ho sentito il Prefetto e incontrato di persona il nuovo Questore, al quale ho chiesto una maggiore attenzione e l’intensificazione dei controlli”.

Nuove multe Palermo per assembramenti

E, a proposito di controlli, c’è stata un’ulteriore impennata, a Palermo, di multe per il mancato rispetto delle norme anti-Covid.

Le sanzioni hanno riguardato settantotto persone e tra di loro anche un commerciante.

Sono i dati delle operazioni condotte dalle forze dell’ordine e coordinate dalla prefettura di Palermo.

Sono state controllate oltre 1800 persone e 218 attività commerciali.

Da novembre a oggi le persone multate sono state 7.762 e 23 quelle denunciate, su oltre 109 mila controlli.
Su 25.300 esercizi commerciali ne sono stati multati 55, di questi venti quelli chiusi per cinque giorni.

Positivi quasi a quota quarantatremila

Per tornare al bollettino di ieri, le vittime sono state 37, che portano il totale dei morti a 2.765 dall’inizio della pandemia. I guariti sono 237.

Il numero complessivo dei positivi è salito a 42.819, con una crescita di ben 1.333 casi. In aumento anche i ricoveri ospedalieri in regime ordinario: 1298, anche se rimane stabile il numero di pazienti in terapia intensiva, 208.
Ospedali dunque nuovamente sotto pressione, come già successo a novembre.

Ieri mattina a Termini Imerese si è registrato un picco di presenze che ha creato qualche problema, tanto che in alcuni momenti i pazienti sono stati dirottati verso altre strutture ospedaliere della provincia. Nel pomeriggio la situazione era tornata alla normalità.

Anche nel pronto soccorso di Villa Sofia, a Palermo, si è registrato qualche problema: all’ingresso dell’area di emergenza è stato affisso un cartello con la scritta “si accettano solo codici rossi”.

Una situazione, quella ospedaliera, monitorata costantemente dai responsabili della sanità siciliana.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684