Covid, vaccini a domicilio per anziani dei piccoli borghi siciliani - QdS

Covid, vaccini a domicilio per anziani dei piccoli borghi siciliani

web-mp

Covid, vaccini a domicilio per anziani dei piccoli borghi siciliani

web-mp |
sabato 26 Giugno 2021 - 10:38

L'iniziativa della vaccinazione a "a domicilio" sostenuta dalla Coldiretti è stata avviata a partire dai piccoli comuni della Sicilia, da Alcara Li Fusi a Roccafiorita fino a San Fratello

Il sostegno di Coldiretti nei piccoli comuni della Sicilia per difendere dal virus la popolazione non ancora vaccinata, la guerra al Covid si sposta nei piccoli borghi d’Italia più difficili da raggiungere dai servizi sanitari e con la più alta presenza di anziani.

L’iniziativa della vaccinazione a chilometri zero “a domicilio” sostenuta dalla Coldiretti è stata avviata a partire dai piccoli comuni della Sicilia, da Alcara Li Fusi (1947 abitanti) a Roccafiorita (189 abitanti) fino a San Fratello, in provincia di Messina dove nei locali del Municipio in Piazza Mercato è stata garantita la possibilità di somministrazione agli abitanti.

Si tratta di un Paese sui Nebrodi famoso per la razza equina, per i formaggi e per il territorio incontaminato che la rendono una vera e propria perla in mezzo ai boschi. Per cercare i convincere anche i più restii la Coldiretti ha donato un barattolo di crema di pistacchio di Bronte, un omaggio per rimarcare anche la necessità di compiere quest’importante dovere per la salute pubblica.

Si tratta – spiega la Coldiretti – di un Paese che con solo 3420 abitanti è uno dei 5521 piccoli comuni italiani sotto i cinquemila abitanti, che rappresentano il 70% del numero totale dei comuni italiani ma dove vive appena il 17% della popolazione con una alta incidenza degli anziani “Un impegno per sostenere l’accelerazione della campagna vaccinale nel momento in cui l’avanzare della variante Delta minaccia la salute di tutti i cittadini e la ripresa economica del Paese” si legge in una nota di Coldiretti.

L’estensione del piano vaccinale alle categorie produttive ha visto la Coldiretti protagonista a tutela della salute su tutto il territorio nazionale e ad oggi sono stati “approvati” come punti vaccinali, già in possesso di tutti i requisiti, ben 141 sedi Coldiretti e 27 sedi aziendali.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684