Crash Google, lezione di Educazione civica - QdS

Crash Google, lezione di Educazione civica

Lucia Russo

Crash Google, lezione di Educazione civica

mercoledì 16 Dicembre 2020 - 00:00
Crash Google, lezione di Educazione civica

In tutta Europa la Dad ha subìto un arresto improvviso a causa del "googledown"

Nella settimana dell’inizio delle lezioni a distanza anche per la Svezia, per la prima volta c’è stata un’improvvisa interruzione a livello mondiale. L’altro ieri, lunedì 14 dicembre, alla fine della quinta ora di lezione, da Imperia a Catania in tutta Italia, così come in tutta Europa, da Roma a Stoccolma, la Dad ha subìto un arresto improvviso a causa di un problema di autenticazione dei servizi di Google. Segnalazioni di problemi, come riferiva l’Ansa ieri pomeriggio, sono pervenute anche dall’Asia e dall’America.

Da Google Meet, a Google Drive, a Gmail, tutto bloccato e per tre quarti d’ora docenti e alunni si sono spostati su Whatsapp interrogandosi su cosa fosse successo. Per un momento il prof, che stava interrogando, ha pensato che l’alunno avesse fatto cadere il collegamento appositamente.

Diversi i messaggi lasciati dagli utenti su Twitter con hashtag #googledown. Disagi anche nel mondo del lavoro e dei servizi, ma il gigante Google in soli 45 minuti è stato capace di rialzarsi e gli alunni dalle 13:35 hanno potuto riprendere le attività.
Una lezione di Educazione civica improvvisa per tutti. In realtà fare lezione in didattica a distanza è allo stesso tempo Educazione civica, perché il docente innanzitutto deve fare rispettare le regole. E come può farlo? Solo facendo capire che sono utili a tutti. Perché se io – sia alunno che docente – mi collego in orario e con un buon aspetto curato, garantisco il regolare svolgimento della lezione e che la stessa si concluda in tempo per consentire la pausa a tutti.

Cosa ha dimostrato Google risolvendo il problema in tre quarti d’ora? Ha dimostrato che se un sistema è organizzato, è in grado di risolvere un problema nel minore tempo possibile. E per essere organizzati occorre prima di tutto rispettare le regole.
Meditate docenti e alunni, meditate…

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684