Dedalo Pignatone, i danni della fauna selvatica - QdS

Pignatone (M5S): “Imprese agricole costrette a fronteggiare danni da fauna selvatica”

webms

Pignatone (M5S): “Imprese agricole costrette a fronteggiare danni da fauna selvatica”

webms |
lunedì 19 Settembre 2022 - 16:53

Le imprese agricole siciliane fronteggiano una serie di emergenze legate ai danni da fauna selvatica: ne parla il deputato Dedalo Pignatone.

Le imprese agricole siciliane si trovano da tempo costrette a rimanere sole nel fronteggiare una grande emergenza: i danni da fauna selvatica, sempre più frequenti a causa dell’incontrollato proliferare degli animali (soprattutto dei cinghiali). Di questo problema ha discusso il deputato M5S Dedalo Pignatone, che afferma: “Più volte, in questi anni, come M5S, in commissione agricoltura abbiamo proposto modifiche normative per rendere più efficace la legge 157 del 1992, ma senza successo”.

Pignatone su fauna selvatica e danni alle imprese agricole

“Durante il primo Governo Conte, con i Ministeri delle politiche agricole e dell’ambiente abbiamo
ottenuto un tavolo tecnico che ha prodotto una relazione in cui si prospettassero soluzioni al
problema. Il confronto è proseguito in Parlamento, dove in commissione agricoltura abbiamo
ascoltato esponenti del mondo della caccia, del mondo animalista e di quello agricolo. Sono emerse proposte che abbiamo provato a inserire nella legge di conversione del decreto Peste Suina
Africana, anche qui inascoltati”, spiega Pignatone.

“Non bisogna dimenticare che il ruolo delle regioni è cruciale perché la gestione e il controllo della fauna selvatica è di loro competenza. Il problema esiste e va risolto”.

Caccia, la situazione

Sulla situazione venatoria, Pignatone aggiunge: “In questi cinque anni mi sono occupato dei problemi che la fauna selvatica crea soprattutto alle aziende agricole e ritengo che il tema della caccia e della selezione della fauna selvatica debba essere affrontato in maniera complessa e competente, scevra da ogni
giudizio e ideologia. Bisogna sedersi a un tavolo e affrontare le criticità perché negare l’esistenza
dei problemi che vengono causati dalla fauna selvatica è un errore”.

“Non possiamo negare che il suo eccesso nella difesa degli animali danneggia le aziende agricole. Mi riferisco ad esempio ai conigli, ai campi rovinati da questi animali che si riproducono a ritmi accelerati. Durante il nostro lavoro abbiamo ascoltato anche le associazioni che rappresentano le vittime della strada perché gli animali selvatici causano incidenti: bisogna affrontare il problema in maniera seria”.

La questione peste suina

“Tra i grandi problemi della fauna selvatica, c’è la peste suina che rischia di trasmettersi anche agli allevamenti, con un rischio economico enorme. Corriamo il pericolo di vedere bloccate
l’esportazione di carne suina e prodotti suini”, sottolinea Pignatone.

Durante il Governo Conte, è stato organizzato un tavolo sulla caccia a cui hanno partecipato le associazioni ambientaliste, venatorie e agricole. “Quando si parla di caccia si parla anche di
protezione dell’ambiente. La caccia deve essere adeguatamente regolamentata in maniera chiara,
forte, netta”.

I danni degli incendi

La stagione estiva è stata particolarmente disastrosa sul fronte degli incendi in Sicilia. Un danno ambientale ed economico notevole. Pignatone, a tal proposito, afferma: “Mi sono occupato
del tema degli incendi: quando ci si occupa dell’ambiente lo si deve fare a 360° senza demonizzare
i cacciatori”.

“Ho avuto contratti con i cacciatori e mi riferiscono che quando vanno a caccia l’obiettivo non è la caccia in sé ma fare una passeggiata nella natura e in liberà: il cacciatore diventa una sentinella del territorio”, conclude Dedalo Pignatone.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001