La desertificazione è dietro l’angolo ma la Sicilia continua a buttare l’acqua - QdS

La desertificazione è dietro l’angolo ma la Sicilia continua a buttare l’acqua

redazione

La desertificazione è dietro l’angolo ma la Sicilia continua a buttare l’acqua

Giuseppe Bonaccorsi  |
venerdì 17 Giugno 2022 - 06:30

In Sicilia il 70% dei suoli è a rischio ma, nonostante l’emergenza, ci sono ancora invasi non collaudati che non possono trattenere oltre un certo quantitativo d’acqua

L’Italia è nella morsa della siccità, un fenomeno che non colpisce più soltanto il Sud ma è arrivato anche al Nord. È notizia soltanto di ieri che in molti paesi del delta del Po sta per scattare il razionamento dell’acqua nelle ore notturne e già si parla di rifornimento in alcuni paesi con autobotti. Quella che per ormai mezzo secolo è stata una prassi tutta siciliana, si è diffusa in tutta Italia a conferma che i cambiamenti climatici e la desertificazione di una parte del nostro territorio sta mettendo a dura prova una consistente fetta della nostra agricoltura con una crisi che potrebbe diventare irreversibile e provocare il fallimento di migliaia di aziende di una economia che nel’isola è prettamente agricola.

In occasione della Giornata Mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità, che si celebra proprio oggi, l’Ispra ha acceso i riflettori sul degrado del territorio. Secondo le stime del Global Land Outlook, il 70% delle aree libere da ghiacci del pianeta è stato alterato dall’uomo, con conseguenze dirette e indirette su circa 3.2 miliardi di persone e si prevede che entro il 2050 questa quota possa raggiungere il 90%. Attualmente circa 500 milioni di persone vivono in aree dove il degrado ha raggiunto il suo massimo livello, ovvero la perdita totale di produttività definita come desertificazione… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684