Disoccupati di lunga data: nel Sud più di quelli di tutta la Germania - QdS

Disoccupati di lunga data: nel Sud più di quelli di tutta la Germania

redazione

Disoccupati di lunga data: nel Sud più di quelli di tutta la Germania

sabato 11 Maggio 2019 - 13:21
Disoccupati di lunga data: nel Sud più di quelli di tutta la Germania

C'è stata una diminuzione complessiva in tutt'Italia ma nel Meridione e nelle Isole è un disastro: novecentomila quelli che cercano lavoro da oltre un anno. Sicilia ultima per occupazione femminile

I disoccupati di lunga data, quelli in cerca di lavoro da oltre 12 mesi, diminuiscono in Italia nel 2018 fissandosi a 1,6 milioni di unità (-81.600) ma sono il numero più elevato in Ue.

Tra Sud (594.000) e Isole (312.000) i disoccupati da oltre un anno sono oltre 900.000, un dato di molto superiore a quello dell’intera Germania (600.000) nella quale però vivono 82 milioni di persone a fronte dei 20,6 residenti al Sud.

Emerge dai dati Eurostat secondo i quali in Campania (286.000) e Calabria (105.000) ci sono più disoccupati di lunga durata dell’intero Regno Unito (352.000).

Sempre in base a questi dati il divario tra il tasso medio di occupazione femminile in Europa (63,3%) e quello italiano che sale ma resta sotto il 50% (al 49,5%) resta considerevole. E la Sicilia è ultima per occupazione femminile: nella nostra isola, che scende dal 29,2% del 2017 al 29,1%, lavora poco più di una donna su quattro tra i 15 e i 64 anni a fronte del 62,7% in Emilia Romagna e il 72,1% in Germania.

Tornando ai dati complessivi, mentre il nostro Paese fa registrare una riduzione (-81.000 unità) dei disoccupati di lunga data, performance negative si registrano, oltre che nel Lazio (da 156.000 nel 2017 a 172.000), in Calabria (da 100.000 a 105.000) e in Sicilia (da 249.600 a quasi 256.000).

Nell’Europa a 28 nel 2018 c’erano 7,3 milioni di disoccupati di lunga durata con un calo di oltre 1,1 milioni rispetto al 2017 ma ancora a un livello superiore di circa un milione rispetto al 2008 (ma in deciso calo rispetto ai 12,47 milioni del 2013).

In Italia la disoccupazione di lunga durata seppure in calo rispetto al 2017 è più che raddoppiata rispetto al 2008 quando erano senza lavoro da oltre 12 mesi solo 752.000 persone.

In Germania l’andamento è stato opposto rispetto al nostro Paese con 1,6 milioni di disoccupati di lunga durata nel 2008 e un milione in meno (600.000) dieci anni dopo.

In Italia chi è senza occupazione da oltre 12 mesi rappresenta il 58,1% della disoccupazione complessiva a fronte del 43,2% nell’Ue a 28 e del 40,9% in Germania ma le differenze sono molto significative sul territorio.

Nella provincia di Bolzano meno di un quarto dei disoccupati (il 23%) non ha lavoro da più di un anno (il 31% a Trento) mentre in Calabria la percentuale sfiora il 70% (il 69,6%, al livello più alto dall’inizio della crisi economica quando era al 50,5%). In Emilia Romagna il tasso dei disoccupati di lunga durata sul totale della disoccupazione è in media europea (41,4%) anche se di molto superiore al 25,9% del 2008.

Dall’inizio della crisi l’Italia ha registrato una crescita significativa della forza lavoro grazie all’aumento della partecipazione delle donne e alla stretta sulle regole per l’accesso alla pensione con la permanenza in ufficio della fascia più anziana della popolazione.

Ma se se per gli occupati complessivi nel 2018 si sono superati i livelli pre crisi (con oltre 23 milioni di lavoratori) è aumentata la disoccupazione complessiva di quasi 1,1 milioni di unità con una crescita sostenuta soprattutto per quella di lunga durata (850.000 in più).

Per la Spagna se la crescita della disoccupazione di lunga durata è stata molto più rapida (tra 467.000 e 3 milioni tra il 2008 e il 2013) è stato veloce anche il calo con la discesa nel 2018 sotto quota 1,5 milioni.

Mentre nel complesso nel nostro Paese si registra una riduzione (-81.000 unità) registrano una performance negativa il Lazio (da 156.000 nel 2017 a 172.000), la Calabria (da 100.000 a 105.000) e la Sicilia (da 249.600 a quasi 256.000).

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684