Droga donne e le violenta anche davanti a figli, Omar Confalonieri a processo - QdS

Droga donne e le violenta anche davanti a figli, Omar Confalonieri a processo

web-iz

Droga donne e le violenta anche davanti a figli, Omar Confalonieri a processo

web-iz |
lunedì 03 Gennaio 2022 - 12:31

Quante sono le vittime di Omar Confalonieri, violentate per ore dopo essere state trasformate in "bambole di carne" con un potente sonnifero?

Narcotizzava le sue vittime e poi le stuprava, anche in presenza di altri. Così Omar Confalonieri, agente immobiliare con ufficio in via Montenapoleone a Milano, è riuscito a violentare tantissime donne. Un copione sempre uguale che il più delle volte faceva perdere i ricordi alle vittime. La Procura di Milano ha chiesto il processo con rito immediato, per saltare la fase dell’udienza preliminare.

Ulteriori segnalazioni arrivano da altre donne che, dopo le sue violenze, si sono fatte avanti e hanno riconosciuto quanto avevano subìto. Perché già 13 anni fa Confalonieri usava il suo “kit” da stupratore.

Le indagini

L’uomo è in carcere dallo scorso 6 novembre con le accuse di violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni per aver stordito una coppia, interessata alla compravendita di un immobile, con dosi massicce di benzodiazepine per poi abusare della donna nella casa dei due, lo scorso 2 ottobre.

La richiesta di immediato, nelle indagini dei carabinieri, coordinate dall’aggiunto Letizia Mannella e dal pm Alessia Menegazzo, verrà valutata dal gip Stefania Pepe, che ha emesso l’ordinanza cautelare nei mesi scorsi, e poi l’arrestato potrà scegliere di essere giudicato con rito abbreviato.

I drink con il sonnifero

 Lo scorso 3 dicembre, la donna che ha subito abusi, davanti al gip in un incidente probatorio per cristallizzare le prove, ha ripercorso quel giorno “da incubo” in cui lei e il marito sono stati drogati da Confalonieri che, secondo l’accusa, avrebbe sciolto un potente sonnifero nei loro drink sorseggiati all’ora di pranzo in un bar vicino a casa.

Dopo di che, avvelenati al punto da non capire cosa stesse accadendo, i coniugi sono stati accompagnati nel loro appartamento dal 48enne, il quale ha violentato la donna mentre in casa era presente anche la figlioletta di meno di un anno. Intanto, va avanti una tranche d’indagine per far luce su altri casi simili ai danni di altre donne (quattro sono state ascoltate in Procura nelle scorse settimane) che si sono fatte avanti per denunciare ciò che avrebbero subito con lo stesso schema dall’agente immobiliare, presunto “seriale” già condannato a Monza nel 2009 per un fatto analogo. Un altro fascicolo a suo carico era stato archiviato nel 2010 a Bergamo.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684