Asp Enna, una rete emergenziale da coordinare - QdS

Asp Enna, una rete emergenziale da coordinare

redazione

Asp Enna, una rete emergenziale da coordinare

martedì 29 Settembre 2020 - 00:00
Asp Enna, una rete emergenziale da coordinare

Responsabili dei Pronto soccorso provinciali riuniti per iniziare a pianificare le strategie per il futuro. Adottare un linguaggio comune sfruttando mezzi informatici, formazione e protocolli unici

ENNA – Dopo il periodo emergenziale per il Covid-19 e la pausa estiva, il Dipartimento di Emergenza dell’Azienda sanitaria provinciale riparte convocando tutti i responsabili dei Pronto soccorso aziendali per iniziare a pianificare la strategia che conduca alla costruzione di un sistema di rete assistenziale rivolto al trattamento dell’emergenza.

“Rete emergenziale – ha sottolineato Renato Valenti, direttore del Dipartimento di Emergenza e Accettazione – che deve superare le logiche organizzative di un singolo ospedale per integrare e aggregare le risorse disponibili presenti in ciascun presidio, affinché diventino patrimonio comune. Si è partiti dalle Unità operative dei Pronto soccorso perché ritengo siano le pietre angolari del sistema di emergenza e pertanto è necessario che adottino un linguaggio comune: unità di attrezzature, di attività formativa e di adozione di protocolli e procedure”.

“È il primo passo – ha aggiunto Valenti – di un progetto ambizioso che successivamente dovrà coinvolgere tutte le altre Unità operative dei presidi, mirando alla configurazione secondo il modello hub e spoke, necessario per garantire ai pazienti una completa presa in carico indipendentemente dal luogo in cui avviene l’accesso”.

Numerose, come sottolineato dalle parti chiamate in causa, le difficoltà da affrontare: il completamento dell’integrazione dei sistemi informatici della rete dell’emergenza ospedaliera e l’integrazione tra questa e quella territoriale; il personale medico; i limiti strutturali di alcune realtà; la creazione di una rete di telemedicina.

“Ma è nel mezzo delle difficoltà – ha concluso Valenti – che nascono le opportunità. Voglio ringraziare tutta la Direzione aziendale per l’attenzione e l’impegno che sta riservando alla risoluzione delle problematiche riguardanti l’emergenza. La loro vicinanza è da sprono per il nostro impegno”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684