Erosione costiera, lavori per frangiflutti a Messina - QdS

Erosione costiera, lavori per frangiflutti a Messina

redazione web

Erosione costiera, lavori per frangiflutti a Messina

sabato 16 Maggio 2020 - 11:07
Erosione costiera, lavori per frangiflutti a Messina

Sono stati consegnati grazie all'Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal governatore Musumeci. Saranno ripristinate otto barriere con blocchi di cemento o massi realizzate nei primi anni Ottanta a difesa del litorale peloritano



Confermata al primo posto della graduatoria dopo gli accertamenti di rito, l’impresa Amec di Santa Venerina (Catania) si è vista assegnare i lavori e può dunque cominciare a ripristinare le otto barriere frangiflutti realizzate, con blocchi di cemento o in massi naturali, nei primi anni Ottanta a difesa del litorale messinese.

L’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, si appresta così a scrivere un’altra importante pagina del corposo dossier che riguarda la difesa delle coste dell’Isola. Si tratta di una grande operazione di messa in sicurezza della zona tirrenica per la quale la Struttura commissariale diretta da Maurizio Croce ha stanziato tre milioni di euro.

Le strutture artificiali, che in quarant’anni sono state pressoché completamente distrutte, ricadono tra la via Fazzino e la via Campanella nel Villaggio Ortoliuzzo; tra il torrente Tarantonio e il torrente Marmora; tra il torrente Cicerina e il torrente Rodia nell’omonimo villaggio; tra il torrente Puccino e il torrente Giudeo nel Villaggio San Saba; tra lo stesso corso d’acqua e Capo Rasocolmo e, infine, nei tre tratti compresi tra il depuratore fognario e il
torrente Mulinello nel Villaggio Acqualadrone.

Ciascuna di esse tornerà ad assolvere all’originaria funzione di schermo protettivo della spiaggia e, di conseguenza, porrà al riparo dai marosi strutture pubbliche e private ma anche i centri abitati che si affacciano su quegli specchi d’acqua.

E’ anche previsto il recupero di centinaia di massi scalzati dai marosi e che saranno riposizionati insieme ai nuovi blocchi.

Tutti i litorali accusano un accentuato arretramento della linea di costa. Ultimato il lavoro sulle barriere, sarà dunque necessario operare un adeguato ripascimento dei lidi.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684