Eurovision, Mahmood e Blanco "costretti" a tagliare il testo di Brividi - QdS

Eurovision, Mahmood e Blanco “costretti” a tagliare il testo di Brividi

web-j

Eurovision, Mahmood e Blanco “costretti” a tagliare il testo di Brividi

web-j |
sabato 12 Marzo 2022 - 14:20

A seguito di una regola del contest i cantanti sono chiamati a correre ai ripari per permettere alla loro canzone di gareggiare

La versione di Brividi che Mahmood e Blanco canteranno sul palco dell’Eurovision Song Contest a Torino il 14 maggio non sarà la stessa che hanno proposto al Festival di Sanremo. Il motivo sta nel regolamento del contest che prevede che le canzoni presentate non superino i tre minuti di durata.

Mahmood: “Sarà bellissima comunque”

Ci sta pensando Michele Zocca alias Michelangelo, il produttore della canzone a cercare di far rientrare il brano vincitore di Festival all’interno delle ferree regole dell’Eurovision. “Michelangelo sta cercando di fare l’impossibile – ha detto Mahmood-. Dovrà tagliare 30 secondi e in una canzone sono tanti. Avrete quindi una versione diversa da quella del Festival, ma vi giuriamo che sarà bellissima comunque“.

I precedenti

Non è la prima volta che i cantanti italiani in gara siano stati costretti a modificare il proprio brano. L’anno scorso accadde una cosa simile con ‘Zitti e buoni’ dei Maneskin, che non solo venne accorciata, ma anche ripulita delle parolacce contenute nel testo. Nel 2017, invece, Francesco Gabbani con la sua ‘Occidentali’s Karma’, fu costretto anche lui, come Blanco e Mahmood, a ridurre la versione della canzone di 30 secondi.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684