Favara, sindaco Palumbo, strada in salita, è già senza maggioranza - QdS

Favara, sindaco Palumbo, strada in salita, è già senza maggioranza

Irene Milisenda

Favara, sindaco Palumbo, strada in salita, è già senza maggioranza

giovedì 04 Novembre 2021 - 00:15

Il neo eletto primo cittadino di Favara dovrà fare i conti con una situazione particolarmente complessa in Consiglio comunale, ma è una sfida che non lo turba: “Dialogo per affrontare i problemi”

FAVARA (AG) – Antonio Palumbo, dirigente regionale del partito Rifondazione comunista, appoggiato da due liste civiche, una delle quali dichiaratamente di sinistra e da un asse Pd-Movimento 5 stelle, è il nuovo sindaco di Favara, dopo la vittoria al ballottaggio su Salvatore Montaperto.

“Una vittoria del gruppo – ha commentato in prima battuta il neo primo sindaco – e dei cittadini che ci hanno supportato in questi giorni, capendo bene il nostro progetto”.

Palumbo ha vinto dove il partito più votato è stato DiventeràBellissima e la rinata Democrazia cristiana. Per lui il compito non sarà semplice, anche perché in Consiglio non ha la maggioranza avendo ottenuto solo tre dei 23 seggi disponibili. Una situazione che, però, non sembra creare particolari patemi nel neo primo cittadino. “La minoranza in Consiglio – ha confermato – non mi preoccupa. Alla base di tutto, per lavorare in tranquillità, servono confronto, dialogo e collaborazione con tutte le parti per affrontare i problemi”.

Dopo l’insediamento il neo primo cittadino ha distribuito le deleghe alla Giunta, tenendo per sé quelle a Personale, Protezione civile e Legalità e trasparenza. A giurare sono stati gli assessori Antonio Liotta, Angelo Airò Farulla, Calogero Attardo, Antonella Morreale, Laura Mossuto, Emanuele Schembri e Pierre Vaccaro.

“Questa fascia può sembrare leggera – ha affermato Palumbo – ma è estremamente pesante. Con questa squadra, affiatata e competente, abbiamo già iniziato a lavorare, confrontandoci con una situazione che è assolutamente allarmante sotto il punto di vista finanziario. Sentiamo forte la responsabilità di dare le risposte ai cittadini, partendo dai temi più dibattuti come quelli connessi al servizio di igiene ambientale, ma continuando con tutti quei servizi, come per esempio quelli che riguardano le disabilità, che oggi non sono garantiti”.

“Chiediamo a tutti i favaresi – ha concluso il sindaco – di restarci vicino, di sostenerci, di correggerci, di essere parte attiva in un processo di rinnovamento di questa città”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684