Una fetta di carne inquina più di un’auto - QdS

Una fetta di carne inquina più di un’auto

Elettra Vitale

Una fetta di carne inquina più di un’auto

sabato 21 Maggio 2022 - 07:01

Inquinamento, enormi consumi d’acqua, abuso di antibiotici. Ecco perché non possiamo più permetterci questa industria della carne

ROMA – Una fetta di carne inquina più di un auto. Il percorso che va dal pascolo alla tavola, infatti, è responsabile di ben 703,69 milioni di tonnellate di emissioni di Co2 annue in Europa, circa il 17% del totale dei gas serra rilasciati nell’atmosfera dell’Ue e, addirittura, il 70% di quelli su scala mondiale. Una cifra impressionante che sorpassa di ben 48 milioni di tonnellate il totale delle emissioni prodotte da tutti gli veicoli circolanti (auto e furgoni) nel Vecchio continente nel 2018. Percentuale legata al comparto che, in solo 10 anni, è cresciuta del 6% il che significa, numeri alla mano, che è come se circolassero 8,4 milioni di auto in più sulle nostre strade. Non si tratta quindi di una questione di gusti o scelte alimentari personali: il problema non è il consumo di carne in sé ma l’industria intensiva che oggi rappresenta una vera e propria minaccia per il nostro ecosistema, sempre più sotto pressione a causa di un’economia del consumo che di circolare ha ben poco.

La Fao ha analizzato i dati sul comparto zootecnico europeo

Questi numeri, che fugano qualsiasi dubbio sulla reale gravità della questione, provengono da una fonte autorevole, ovvero l’Organizzazione dell’alimentazione e dell’agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) che ha analizzato i dati sul comparto zootecnico europeo. In buona sostanza, la sola produzione di carne suina, bovina e pollame ci “costa” ogni anno 428 milioni di tonnellate di CO2, un dato che include al suo interno la fermentazione… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684