Finale degli Europei a Roma? Draghi e Merkel, "Non dove tanti casi" - QdS

Finale degli Europei a Roma? Draghi e Merkel, “Non dove tanti casi”

web-la

Finale degli Europei a Roma? Draghi e Merkel, “Non dove tanti casi”

web-la |
lunedì 21 Giugno 2021 - 20:31

Incontro Merkel-Draghi a Berlino. Sul tavolo le prospettive della ripresa post-Covid e il tema dei migranti ma "irrompe" anche la finale di Euro 2020

Incontro Merkel-Draghi a Berlino. Sul tavolo le prospettive della ripresa post-Covid e il tema dei migranti.

Ma irrompe anche il tema degli Europei di calcio e dei rapporti con la Gran Bretagna. ‘La finale del torneo da Wembley a Roma? Mi adopererò affinché non si faccia in Paesi con alti contagi’, risponde il presidente del Consiglio nella conferenza stampa congiunta.

Sul dossier migranti – ha detto Draghi nella conferenza stampa congiunta al termine del bilaterale – migranti l’impegno “è aiutarsi reciprocamente”. “Abbiamo vicinanze di vedute sulla dimensione esterna” del tema, spiega. “L’Italia – ha detto la Merkel – è un Paese di arrivo, noi siamo colpiti dai flussi secondari. Occorre iniziare ad agire dai Paesi di provenienza e su questa gestione siamo completamente d’accordo”. “Nelle discussioni che abbiamo avuto ci sono state pochissime divergenze di opinioni ed è una sensazione gradevole”, aggiunge.

Io e Mario Draghi – ha detto la Cancelliera parlando di Covid – “siamo entrambi cauti” sulla situazione del Covid, “felici che ci sia un sostanziale miglioramento ma è un progresso fragile. La quota vaccini cresce ma ancora non si può dire che ci stiamo avvicinando all’immunità di gregge” anche perché siamo “esposti alle nuove varianti”.

“Il rapporto tra Italia e Germania – ha esordito il premier italiano – è profondo, duraturo e solido. Sono due Paesi fondati sull’europeismo e sull’atlantismo. Le posizioni nei confronti di Usa, Russia, Cina e Nordafrica sono molto molto vicine”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x