Finanziaria Sicilia, ancora tutto fermo: la rabbia di Confindustria - QdS

Finanziaria Sicilia, ancora tutto fermo. Confindustria: “Balletto indecente”

webms

Finanziaria Sicilia, ancora tutto fermo. Confindustria: “Balletto indecente”

webms |
venerdì 13 Maggio 2022 - 15:16

Ancora "fumata nera" all'Ars sulla finanziaria siciliana. Confindustria Sicilia commenta: "Balletto indecente".

Ancora nessuna novità sul fronte della finanziaria in Sicilia. All’Ars (Assemblea della Regione Siciliana) tutto rimane fermo in attesa di una svolta, che tarda sempre più ad arrivare.

Ieri sera, l’Aula era stata aggiornata alle 11 di oggi, venerdì 13 maggio, ma della seduta ancora non sembra esserci traccia. L’obiettivo rimane quello di trovare una sintesi fra i due maxi-emendamenti, quello previsto dal Governo e l’altro del Parlamento. La strada, però, sembra in salita, almeno secondo le indiscrezioni trapelate da Palazzo Reale nelle ultime ore.

Finanziaria Sicilia, tutto fermo: il commento di Confindustria

Di fronte all’ennesima “fumata nera”, Confindustria Sicilia si ribella al “gioco di rinvii” e al “balletto indecente” delle istituzioni sulla finanziaria. Esprime, infatti, un “richiamo al senso di responsabilità della politica”, ribadendo “l’estrema gravità del momento che attraversa la Sicilia” tra crisi pandemica e recenti rincari energetici.

“L’Isola oggi rischia di perdere l’ultimo tram per lo sviluppo. In un periodo in cui è in gioco la sopravvivenza delle imprese e il rischio di povertà è dilagante, non possiamo assistere a quello che succede all’Ars. Siamo di fronte a uno spettacolo inaccettabile”, aggiungono i rappresentanti della federazione degli industriali siciliani, guidata da Alessandro Albanese.

La richiesta di Confindustria, come di tutte le parti interessate ai contenuti della finanziaria siciliana, è chiara e semplice: un lavoro organizzato e veloce, fatto “senza personalismi e nell’interesse di tutti“.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684