Gas, la Russia taglia le forniture all'Italia: cosa cambia per il Paese - QdS

Gas, la Russia taglia tutte le forniture all’Italia. Cosa succede per il Paese

web-sr

Gas, la Russia taglia tutte le forniture all’Italia. Cosa succede per il Paese

web-sr |
sabato 01 Ottobre 2022 - 15:58

La conferma arriva direttamente da Eni: "Da oggi i flussi di gas russo saranno nulli". Ecco come cambieranno le cose per l'Italia.

La Russia non fornirà più una propria fornitura di gas all’Italia attraverso il monte Tarvisio. Lo ha annunciato oggi Eni attraverso una nota ufficiale.

“Gazprom ha comunicato di non poter confermare la consegna dei volumi di gas richiesti per oggi a causa della dichiarata impossibilità di trasportare il gas attraverso l’Austria”, si legge in una nota diffusa dall’azienda.

“Oggi, pertanto, i flussi di gas russo destinati a Eni attraverso il punto di ingresso di Tarvisio saranno nulli. Eni si riserva di comunicare eventuali riprese delle forniture”, sottolinea ancora Eni.

Stop gas dalla Russia, quale futuro per l’Italia?

L’interruzione del gas proveniente dalla Russia non comporterà, comunque, gravi carenze per l’Italia. L’offerta proveniente da Mosca, rispetto a quella totale, era ormai inferiore al 10%.

Eni, frattanto, sta provvedendo a un piano di potenziamento e diversificazione delle forniture che permetterà all’Italia di rimpiazzare oltre 20 miliardi di metri cubi annuali di volumi dalla Russia.

Gas Italia, le forniture dagli altri Paesi

Al momento sono in arrivo in Italia forniture dall’Algeria, per picchi giornalieri di oltre 80 milioni di metri cubi. Entro il 2023 è previsto anche un incremento di risorse fino a 6 miliardi di metri cubi addizionali, mentre nel 2024 si arriverà fino a 18 miliardi.

Per i prossimi mesi saranno a disposizione circa 4 miliardi di metri cubi provenienti dall’Europa del Nord e di forniture addizionali da Egitto, Qatar, Congo, Angola e Nigeria, fino a 7 miliardi nel 2024 e progressivamente fino a 22 miliardi nel 2024-25.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001