Gela riparte dal suo lungomare ma ora c’è il problema traffico - QdS

Gela riparte dal suo lungomare ma ora c’è il problema traffico

Liliana Blanco

Gela riparte dal suo lungomare ma ora c’è il problema traffico

mercoledì 16 Giugno 2021 - 00:00

Le pedane dei locali hanno notevolmente ristretto la carreggiata creando problemi sia ai pedoni che agli automobilisti. Per il Comune però è fondamentale rilanciare le attività produttive

GELA (CL) – Ristoranti che si allungano sulla strada, circolazione a doppio senso e auto in sosta. Un mix che ha prodotto un’inconfondibile pizza al sapore di… smog.

Il lungomare cittadino è tornato a rianimarsi grazie alle riaperture post pandemia e alla delibera approvata dal Consiglio comunale per favorire lo sviluppo economico della categoria dei ristoratori. Ciò che è mancato, però, sono state tempistiche adeguate e una corretta organizzazione.

A quasi due mesi dall’approvazione della delibera, infatti, le esigenze dei commercianti si sono scontrate con la gestione della viabilità e in questo modo le pedane dei locali hanno inevitabilmente ridotto la carreggiata stradale, rallentando lo scorrere della viabilità. Una condizione che ha sollevato le proteste di cittadini, residenti e gruppi politici.

Le norme prevedono un limite minimo di larghezza delle corsie di marcia. Come si legge nel Codice della strada, infatti, la larghezza deve essere scelta tra i moduli 2,75 m, 3 m, 3,25 m, 3,5 m, 3,75 m, riducibili a 2,5 m negli attestamenti delle intersezioni urbane (purché la corsia non sia percorsa dal trasporto pubblico o dal traffico pesante).

A Gela, però, su un lato del lungomare i marciapiedi non esistono più perché sono occupati dalle pedane. Non possono circolare agevolmente i portatori di handicap, ma possono usare l’altro lato dove però sono parcheggiate le auto. Anche la carreggiata si è ristretta notevolmente, il che significa che le auto che circolano nei due sensi devono adottare il senso unico alternato per potere avanzare. Facile immaginare cosa succeda quando arriva un’ambulanza a sirene spiegate o i mezzi ingombranti dei vigili del fuoco.

Caso paradossale è poi quello che si verifica in una parte del Lungomare dove è stata concessa la possibilità di allocare i tavoli a ridosso di un ufficio comunale in cui è previsto anche il transito di materiali in uscita durante le ore di lavoro e a volte anche durante quelle di straordinario. In pratica, i dipendenti per tirare fuori i loro mezzi di lavoro devono chiedere il permesso o chiedere scusa agli avventori. Insomma, i tavoli ingombrano anche gli spazi degli uffici pubblici.

“L’Amministrazione – ha commentato l’assessore allo Sviluppo economico, Terenziano Di Stefano – senza attendere i decreti nazionali e regionali, anzi anticipandoli, ha istituito il nuovo asse stradale prevedendo l’occupazione gratuita del suolo pubblico già nella data del 4 maggio, al fine di provare ad alleggerire i ristoratori dal peso enorme creato dal blocco forzato delle attività. Nella stessa ottica di una ripartenza, l’Amministrazione ha previsto entro il 21 giugno l’istituzione della Ztl e la data coincide con la cessazione del coprifuoco. La delibera di giunta, infatti, è già stata predisposta e prevede la modifica dell’orario, che partirà dalle 19 fino alle ore 2. Il tutto, e non lo dico con il timore di apparire retorico, avendo a cuore la ripartenza di una città sprofondata nelle sabbie mobili del blocco forzato. Il resto è solo polemica sterile”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x