Uno scheletro risalente al IV secolo a.C. scoperto a Gela - QdS

Uno scheletro risalente al IV secolo a.C. scoperto a Gela

Liliana Blanco

Uno scheletro risalente al IV secolo a.C. scoperto a Gela

martedì 26 Novembre 2019 - 00:00
Uno scheletro risalente al IV secolo a.C. scoperto a Gela

Sinergia fra istituzioni fondamentale per promuovere le peculiarità uniche del territorio. Il recente ritrovamento di via Butera e un patrimonio culturale non valorizzato a dovere

GELA (CL) – I lavori per la realizzazione di un passaggio sotterraneo per cavi elettrici, avviati in via Butera, hanno regalato alla città un altro piccolo tesoro, segno dell’importanza storico-culturale del territorio. Una tomba risalente al IV secolo a.C. è stata infatti rinvenuta grazie ai cantieri in questione. E con essa, lo scheletro ancora intatto custodito al suo interno.

“Il reperto in questione – ha spiegato la soprintendente ai Beni culturali e ambientali di Caltanissetta, Daniela Vullo – si presenta in buone condizioni. La tipologia è quella spiovente, ma la particolarità è data proprio dallo scheletro ancora intatto, appartenente a un soggetto maschile di un metro e 60 centimetri. Il defunto presenta un vistoso schiacciamento del cranio, antecedente all’attuale rinvenimento. Dentro il cranio è stata trovata una monetina che non è ancora stata studiata ma che, sin da ora, possiamo identificare quale l’obolo di Caronte. Un viatico per essere trasportati nel fiume dell’Aldilà”.

Come detto, questo ritrovamento ripropone con forza la questione legata alla valorizzazione turistico-archeologica dell’area gelese. A pochi metri da quest’ultimo ritrovamento, infatti, l’archeologo Paolo Orsi, nel 1952, rinvenne altre sepolture.

“Si potrebbe ipotizzare – ha confermato la soprintendente – che ci siano altre sepolture nell’area, quindi si continuerà a scavare. Speriamo di poter rendere fruibile l’area, ma questo è un auspicio per il futuro, da realizzare eventualmente con la sinergia di tutte le istituzioni, in primis il Comune”.

La sinergia istituzionale, dunque, rappresenta un passaggio fondamentale per mettere in piedi serie politiche di valorizzazione del territorio. Un confronto costruttivo tra i vari soggetti operanti sul territorio è il primo, indispensabile passaggio, per cercare di dar vita a un concreto progetto di sviluppo economico-turistico che fino a oggi è rimasto soltanto sulla carta.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684