Giro d'Italia 2022: Bouwman fa il bis, domani i big alla resa dei conti

Giro d’Italia 2022: Bouwman fa il bis, domani i big alla resa dei conti

web-pv

Giro d’Italia 2022: Bouwman fa il bis, domani i big alla resa dei conti

Nunzio Currenti  |
venerdì 27 Maggio 2022 - 19:07

Carapaz ha tre secondi di vantaggio su Hindley, apparso pimpante anche oggi. Mikel Landa, a 1’ e 05”, metterà alla frusta la squadra per tenere alta la tensione sin dai primi chilometri

Nella splendida cornice del Santuario di Castelmonte bis di Koen Bouwman (Jumbo-Visma) – leader della maglia azzurra – che ha vinto la diciannovesima tappa, partita da Marano Lagunare. Arrivo ricco di pathos quello di oggi perché Vendrame, favoritissimo nella volata, tira dritto nella curva a gomito, piazzata a settanta metri dell’arrivo. Secondo, alle spalle del portacolori della Jumbo, ancora prima, Schmid e Tonelli. Ennesima fuga quindi andata in porto. I big si controllano ancora una volta, rinviando la resa dei conti alla tappa di domani che si concluderà sulla Marmolada (Passo Fedaia) dopo il Pordoi e San Pellegrino.
La battaglia è assicurata.

Sfida Carapaz-Hindley

Carapaz ha tre secondi di vantaggio su Hindley, apparso pimpante anche oggi. Mikel Landa, a 1’ e 05”, metterà alla frusta la squadra (Bahrain Victorius) per tenere alta la tensione sin dai primi chilometri. “Dopo aver vinto a Potenza – ammette Bouwman – ho detto che qualsiasi cosa sarebbe arrivata di lì in poi sarebbe stata un bonus. Oggi ho corso per i punti della Maglia Azzurra e sono felice di averla quasi blindata. Sapevo che l’ultima curva era a gomito ma non immaginavo così tanto. Ho dovuto anche frenare ma fortunatamente ero nella posizione migliore e trovarmi là mi ha permesso di vincere. Sono felicissimo”.

Nibali quarto

Nibali perde qualche secondo anche in questa tappa, ma rimane al quarto posto. Lo Squalo dello Stretto dovrà difendersi da Bilbao e Hirt. Il piazzamento, alle spalle del podio, sarebbe la degna conclusione della sua storia sportiva in rosa. Ma, conoscendo la storia sportiva del campione messinese, c’è da aspettare un morso per fare saltare il banco. E, poi, domenica, il gran finale con la cronometro di 17 chilometri a Verona che chiaramente, alla luce del grande equilibrio, riserverà spettacolo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684