Gravità e conseguenze di un dramma ambientale - QdS

Gravità e conseguenze di un dramma ambientale

redazione

Gravità e conseguenze di un dramma ambientale

giovedì 06 Febbraio 2020 - 17:29

Australia in fiamme, i numeri e le conseguenze degli incendi

In Australia proseguono gli incendi che hanno ormai bruciato circa 11 milioni di ettari di terreno, distruggendo 1.500 abitazioni e l’intera città di Balmoral.

Migliaia di militari e missionari sono partiti per aiutare animali e persone costrette a vivere in questo incubo senza fine, essi sono stati invitati a portare acqua, cibo e carburante.

Tuttavia gli incendi continuano a bruciare il territorio Australiano, soprattutto il Nuovo Galles lo stato con maggiore numero di abitanti; le vittime certe che fin ora si sono contate sono 28 persone ( tra cui 4 vigili del fuoco) , non contando i dispersi, mentre quasi 480 milioni di mammiferi, uccelli, rettili e altri animali sono deceduti a causa dei devastanti incendi, mentre quasi 480 milioni di mammiferi tra cui uccelli, rettili e altri animali sono deceduti o rimasti feriti a causa dei devastanti incendi. La specie che si trova più a rischio è quella dei koala, si stima che siano circa 8 mila di koala dispersi nelle fiamme, rischiando estinzione della specie.

Anche specie meno note e iconiche, potrebbero trovarsi in rischio dagli incendi. Come l’Anthochaera phrygia, uccello classificato in pericolo critico di cui sopravvivono in natura appena tra i 250 e i 400 esemplari. Essi vivono nelle Blue Mountains, una delle foreste più colpite dalle fiamme. O come la Assa darlingtoni, una minuscola rana che popola le antiche foreste pluviali del Gondwana e che necessita di particolari condizioni di umidità per sopravvivere.

Il fumo degli incendi, che ha percorso migliaia di chilometri arrivando fino alla Nuova Zelanda, dove la cenere ha ingiallito i ghiacciai (accelerandone così la fusione), e perfino in Sudamerica, ha reso irrespirabile l’aria di molte città australiane. A Canberra, grande città dell’entroterra, la scorsa settimana è stata registrata la peggiore qualità dell’aria al mondo, mentre a Sydney, offuscata da una nube di polveri sottili, si è verificato un aumento del 10 per cento dei ricoveri ospedalieri.

A far luce sugli incendi in Australia ci ha provato Giorgio Vacchiano, ricercatore e docente in gestione e pianificazione forestale alla Statale di Milano.

Essi afferma: “In Australia, metà delle accensioni sono causate da fulmini, e metà dall’uomo per cause sia colpose che dolose. Gli incendi più grandi tendono tuttavia a essere causati dai fulmini, perché interessano le aree più remote e disabitate, dove è meno probabile che arrivino le attività umane”. Mentre, alla risposta “Cosa sta causando il propagarsi delle fiamme?” risponde: “Nell’ultimo anno le temperature medie sono state 1.5 gradi più alte rispetto alla media, ed è mancato oltre un terzo della pioggia che solitamente cade sul continente. Mentre la siccità si protrae ormai da ben due anni. Quando l’aria è calda e secca, la vegetazione si dissecca. Più la siccità è prolungata, più grandi sono le dimensioni delle parti vegetali che si seccano. Quando anche le parti più grandi (fusti e rami) perdono acqua, cosa che avviene molto raramente, gli incendi possono durare più a lungo.  Quello che diffonde le fiamme, invece, è il vento, che spinge l’aria calda generata dalla fiamma sulle piante vicine. Normalmente, gli incendi più vasti si verificano infatti in giornate molto ventose”.

Giorgia Ninni

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684