Guerra Gaza-Israle, 130 razzi da Hamas nella notte, Isaele risponde - QdS

Guerra Gaza-Israle, 130 razzi da Hamas nella notte, Isaele risponde

web-iz

Guerra Gaza-Israle, 130 razzi da Hamas nella notte, Isaele risponde

web-iz |
giovedì 13 Maggio 2021 - 12:48

Nessuno stop al fuoco tra Gaza e Israele. Le vittime sono già 83, 500 i feriti. Tra i morti, anche 7 donne e 17 bambini. Uno aveva soli 6 anni.

Sono stati 130 i razzi lanciati dalla notte scorsa da Gaza verso Israele: di questi molti sono stati intercettati dal sistema di difesa Iron Dome. Lo ha detto il portavoce militare secondo cui più di 20 sono ricaduti all’interno del territorio di Gaza.

Al tempo stesso l’esercito ha risposto colpendo oltre 600 obiettivi militari nella Striscia: tra questi un tunnel di Hamas e anche infrastrutture e centri di comando. Blinken chiede ad Abu Mazen lo stop al lancio di razzi palestinesi. Domani ci sarà una nuova riunione del Consiglio di sicurezza Onu. A Gerusalemme in 100 mila sulla Spianata delle Moschee per Id al-Fitr.

Dall’inizio delle ostilità con Israele 83 palestinesi sono rimasti uccisi a Gaza e quasi 500 sono stati feriti. Lo ha reso noto il ministero della Sanità di Hamas secondo cui fra le vittime ci sono 17 bambini e sette donne. Il portavoce israeliano ha affermato che fra i morti a Gaza ci sono “decine di terroristi”. Ha aggiunto che molti razzi di Hamas si sono rivelati difettosi e sono esplosi all’interno della Striscia, provocando vittime fra i civili.

Intensi lanci da Gaza sono ripresi anche stamane in direzione della vicina città israeliana di Sderot e dei villaggi agricoli della zona. La popolazione è stata costretta più volte a correre nei rifugi. A Haifa arabi hanno appiccato il fuoco alle automobili parcheggiate sotto ad un edificio abitato da ebrei ortodossi. Intossicate 60 persone. Piani per un possibile ingresso via terra a Gaza saranno presentati al Comando generale dell’esercito israeliano per l’approvazione.
A causa della situazione con Gaza i voli passeggeri in arrivo all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv sono stati dirottati verso lo scalo di Ramon vicino Eilat, nel sud del paese. Blinken chiede ad Abu Mazen lo stop al lancio di razzi palestinesi. Domani nuova riunione del Consiglio di sicurezza Onu.

Quasi 100.000 fedeli hanno pregato oggi sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme per le cerimonie di Id al-Fitr, la festa religiosa per la fine del Ramadan. Lo riferisce l’agenzia Maan sottolineando che il massiccio raduno si è svolto “nonostante le severe restrizioni imposte dalle forze di occupazione israeliane”. In base alle immagini diffuse sui social palestinesi, gruppi di persone hanno inneggiato alle Brigate al-Qassam, l’ala militare di Hamas, sono state sventolate le bandiere verdi della fazione e pronunciate proteste contro “l’aggressione israeliana” a Gaza.

Piani per un possibile ingresso via terra a Gaza saranno presentati al Comando generale dell’esercito per l’approvazione. Lo ha fatto sapere il portavoce militare Hidai Zilberman citato da Times of Israel. I piani – messi a punto dal Comando sud e dalla Divisione di Gaza – dopo l’eventuale approvazione saranno quindi sottoposti, ha aggiunto Zilberman, all’esame della leadership politica. L’esercito in questi giorni ha rinforzato il suo schieramento attorno alla Striscia ma ancora nessuna decisione di procedere con un possibile ingresso a Gaza è stata presa.

“Chiunque a Gaza impugna un’arma è per noi passibile di morte. Finora ne abbiamo neutralizzati 60-70, forse anche 80”: lo ha affermato alla radio pubblica Kan il portavoce militare israeliano Hedai Zilberman. Il portavoce ha confermato che l’esercito ha sottoposto ai vertici politici piani disparati, fra cui piani relativi ad un ingresso terrestre a Gaza. Ma la decisione finale, ha notato, spetta al livello politico, come quella relativa ad un eventuale cessate il fuoco. “Intanto teniamo il piede sull’acceleratore. Le capacità offensive di Hamas sono già calate del 25 per cento e nel prossimo futuro saranno dimezzate”.

La guerra tra Israele e Hamas non si ferma. Il conflitto anzi si allarga, con lo Stato ebraico deciso ad andare avanti “fino a quando sarà necessario”. Le speranze di una tregua sembrano esili, anche se gli Stati Uniti di Joe Biden hanno spedito nella regione l’inviato per il conflitto israelo-palestinese Hady Amr per incontrare le parti e cercare una de-escalation. “Israele ha il diritto di difendersi” ha affermato in serata il presidente americano, che poi parlando al telefono col premier israeliano Benyamin Netanyahu ha lanciato un appello perchè venga al più presto ripristinata la calma.

Ma sul terreno la situazione continua a peggiorare. A fronte di oltre 1.200 razzi arrivati da Gaza – sono 7 le vittime israeliane finora, compreso un bambino di sei anni colpito a Sderot, un bilancio contenuto grazie al sistema di difesa Iron Dome – il ministro della Difesa Benny Gantz ha detto che Israele non è pronto per un cessate il fuoco.

L’aria che si respira in Israele è quella di un conflitto destinato a prolungarsi. Lo dimostra, tra l’altro, la decisione del Comando del Fronte Interno di chiudere per l’intera settimana le scuole del centro e del sud di Israele. Così come sono state limitate le aperture dei negozi che non hanno accesso diretto ai rifugi e gli assembramenti di persone: non più di 10 all’aperto e non più di 100 al chiuso. E stavolta non per il Covid. La comunità internazionale è in pressing per ottenere un rapido ritorno alla calma ma le posizioni non appaiono convergenti. Unica per ora a schierarsi decisamente con Israele è stata la Germania, che ha condannato gli attacchi con i razzi contro le città israeliane e sostenuto con forza che Israele ha il diritto di difendersi.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001