Guerra Ucraina, la Russia blocca aiuti a Mariupol, Zelensky: "100mila in trappola" - QdS

Guerra Ucraina, la Russia blocca aiuti a Mariupol, Zelensky: “100mila in trappola”

web-mp

Guerra Ucraina, la Russia blocca aiuti a Mariupol, Zelensky: “100mila in trappola”

web-mp |
mercoledì 23 Marzo 2022 - 07:01

Il conflitto russo-ucraino arriva al suo ventottesimo giorno. Il Pentagono ritiene che le forze ucraine stiano "riguadagnando terreno" nel sud dell'Ucraina, vicino a Kherson

Le forze russe hanno sequestrato un convoglio umanitario di 11 autobus vuoti diretto a Mariupol per trarre in salvo gli ucraini in fuga dalla città, facendo “prigionieri” gli autisti dei mezzi e diversi operatori dei servizi di emergenza: il presidente ucraino Volodymyr Zelensky denuncia la manovra di Mosca poche ore dopo il suo discorso al Parlamento italiano e assicura che Kiev sta “facendo di tutto per liberare la nostra gente”.

Ucraina, Zelensky: “100.000 persone intrappolate a Mariupol”

Circa 100.000 persone sono ancora intrappolate sotto le bombe russe nella città assediata di Mariupol, quasi un mese dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte delle forze russe. Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un nuovo messaggio video pubblicato questa mattina all’alba.

In attesa del possibile inizio di un cessate il fuoco, “quasi 100.000 persone in condizioni disumane” sono intrappolate tra le rovine di Mariupol, “in uno stato di assedio totale, senza cibo, acqua, medicine, sotto bombardamenti costanti”, ha avvertito Zelensky.

La battaglia di Mariupol nei video diffusi dal Battaglione Azov

Il famigerato e controverso Battaglione Azov diffonde i video della resistenza all’avanzata delle truppe russe. Il video è diffuso dal Reggimento Azov, nato nel 2014 da volontari nazionalisti di estrema destra e più volte accusato di neonazismo e neofascismo. Nel video si vedono dei carri armati combattere per le strade di Mariupol, sede anche del reggimento. La didascalia che accompagna le immagini recita “I tank del reggimento Azov distruggono carri armati, BBM e fanteria degli occupanti russi”. 

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684