I computer vintage si mettono in mostra - QdS

I computer vintage si mettono in mostra

redazione

I computer vintage si mettono in mostra

sabato 27 Aprile 2019 - 00:00

ROMA – Il P101 Olivetti e l’Apple II, il Commodore Pet 2001 che nel 1976 aprì il “mercato di massa” al personal computer e l’Altair 8800 il primo personal computer maneggevole e basso costo che rivoluzionò il mercato nel 1975. Sono soltanto alcuni dei computer che sarà possibile vedere e toccare al Vintage computer festival Italia, la più completa manifestazione sulla storia del personal computer, in programma oggi e domani (27 e 28 aprile) a Roma all’ex Cartiera Latina.

L’evento, a ingresso libero, si rivolge a collezionisti e appassionati di computer, studenti e famiglie, nativi digitali e curiosi, e offre una vasta esposizione di Pc d’epoca, incontri, workshop e conferenze con ospiti internazionali e grandi personaggi della storia dell’informatica.

Tra questi la pioniera americana della didattica digitale Liza Loop, che oggi alle 11 terrà una conferenza su “How the computer has changed teaching and learning”. Futurologa, autrice di libri e manuali di informatica, famosa per l’uso innovativo dei Pc nelle scuole e per le sue riflessioni filosofiche sull’apprendimento multimediale, Liza Loop nel 1975 creò a San Francisco (California) due centri computer aperti al pubblico; Steve Wozniak, cofondatore di Apple, rimase così favorevolmente impressionato per le sue attività didattiche che le donò il primo computer Apple mai prodotto.

Su un’area espositiva di 800 mq i visitatori potranno conoscere e provare molti esemplari d’epoca e rarità tuttora funzionanti che hanno fatto la storia del Pc dal 1965 agli anni Novanta del secolo scorso, quando il computer è passato da vantaggio per pochi a beneficio per tutti.

Il festival è organizzato dal Vintage computer club Italia (membro della Vintage computer federation Usa) che promuove a livello nazionale la conoscenza della storia dei personal computer realizzati nel periodo pionieristico dell’informatica, tra gli anni Sessanta e Novanta del secolo scorso.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684