Il Fariseismo di genere - QdS

Il Fariseismo di genere

web-dr

Il Fariseismo di genere

web-dr |
giovedì 18 Febbraio 2021 - 17:28
Il Fariseismo di genere

La reale rappresentanza di genere. Un tema che sta a cuore a Draghi.

Mario Draghi nel suo primo discorso al Senato per la fiducia ha sottolineato ampiamente un tema a lui molto a cuore.
La reale rappresentanza di genere. Stigmatizzando le prese di posizione o le leggine farisaiche.
Il fariseo per chi non ha più dimestichezza con le sacre scritture era l’ebreo formalmente, ma ipocritamente, fedele alla legge.
In questo governo lui le donne, per la sua quota le ha messe.

La Lamorgese, la Cartabia e la Messa. Soprattutto le prime due in ministeri importanti.
Per quanto riguarda la quota dei partiti l’intero arco giallorosso è totalmente latitante sulla questione di genere.

Da cui il fariseismo evocato senza mezzi termini dal Premier.
La questione di genere per Draghi non è solo una questione di diritti negati di una minoranza. Perché le donne non sono minoranza ma maggioranza di questo paese. Ed è, sopratutto alla luce delle linee guida del Recovery Fund, una questione di opportunità per un paese arretrato come il nostro sull’occupazione femminile e sulle sperequazioni retributive.

Senza la maggior spinta e partecipazione delle donne la ricostruzione, come lui chiama questo fondamentale periodo, sarà più debole e incerta. Si sprecherà, come per i giovani, un fondamentale capitale umano, e non possiamo permettercelo.

Ovviamente questa non è solo una questione sociale ed economica. È fondamentalmente una questione politica. Solo che viene sopita e mal digerita da una classe dirigente fondamentalmente maschile, soprattutto tra i capi, e maschilista.

Se vogliamo guardare in casa nostra, nella nostra isola, solo la legiferazione ha prodotto un risultato di partecipazione delle donne alla vita politica attiva. L’introduzione della doppia preferenza di genere negli enti locali ha quintuplicato le donne elette nei consigli comunali.
Dovremmo fare la stessa cosa nel nostro Parlamento, il più antico del mondo.

Un po’ di sana modernità forse cambierebbe il modo di affrontare le cose, uno sguardo diverso a temi spesso dimenticati.
Sarebbe urgente calendarizzare il disegno di legge che introduce la doppia preferenza di genere per l’elezione del Parlamento regionale.
Diamo una scossa di pragmatismo e democrazia a quest’isola.
La Sicilia è la terra di Cerere, dea della fecondità della terra, ridiamole vigore.

Giovanni Pizzo

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684