“Imparare a imparare” Dove? A scuola - QdS

“Imparare a imparare” Dove? A scuola

Lucia Russo

“Imparare a imparare” Dove? A scuola

mercoledì 08 Gennaio 2020 - 00:00
“Imparare a imparare” Dove? A scuola

A che punto sono le competenze sviluppate dagli alunni?

Dopo la lunga pausa delle vacanze natalizie oggi si ritorna a scuola in Sicilia, un giorno dopo rispetto al resto d’Italia. Insegnanti e alunni si trovano a intraprendere la seconda parte dell’anno scolastico – perché all’inizio del pentamestre oppure a cavallo tra i due quadrimestri – e la domanda da farsi è: “a che punto sono le competenze sviluppate dagli alunni?” Nella rubrica del 4 dicembre scorso (clicca qui) ho iniziato a illustrare le otto “Competenze chiave per l’apprendimento permanente” individuate nella Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio europeo, da ultimo il 22 maggio 2018.

Dopo essermi occupata di (1.) Comunicazione nella madrelingua, (2.) Comunicazione nelle lingue straniere e (3.) Competenza matematica e competenze di base in campo scientifico e tecnologico, in questa rubrica tratterò (4.) Competenza digitale e (5.) Imparare a imparare.

La “Competenza digitale” non si pensa possa essere un problema perché tutti i nostri alunni sono “nativi digitali”, però non basta conoscere e sapere utilizzare le nuove tecnologie, occorre essere responsabili nell’uso dei mezzi informatici, per non nuocere a se stessi e agli altri e questo deve essere insegnato a scuola. Che, tradotto in termini ancora più semplici, è sapere utilizzare con spirito critico le tecnologie della società dell’informazione per reperire, valutare, conservare, produrre, presentare e scambiare informazioni.

“Imparare a imparare”, la quinta delle competenze chiave, ricomprende le abilità di studio e di ricerca, cioè a scuola i docenti devono insegnare ai ragazzi ad autoregolarsi, a governare i tempi del proprio lavoro, le priorità, l’organizzazione degli spazi e degli strumenti, nonché l’autovalutazione rispetto ai propri limiti, risorse, possibilità e modalità di pensiero. Rispetto al web ciò significa che è necessario che i giovani imparino a ricercare le informazioni nei siti affidabili, a confrontare fonti diverse (non solo siti internet, ma anche libri e documenti) da interpretare criticamente. Solo così la scuola avrà seriamente contribuito alla crescita di cittadini responsabili.

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684