Infortuni sul lavoro, 2022 da incubo: già 20 morti e record di denunce - QdS

Infortuni sul lavoro, 2022 da incubo: già 20 morti e record di denunce

web-dr

Infortuni sul lavoro, 2022 da incubo: già 20 morti e record di denunce

Sonia Sabatino  |
mercoledì 27 Luglio 2022 - 13:27

I dati sugli infortuni e sui morti sul lavoro rilasciati dall’Inail sono sconfortanti, infatti, da gennaio a maggio del 2022 è stato registrato un incremento del 65% di incidenti.

I dati sugli infortuni e sui morti sul lavoro rilasciati dall’Inail sono sconfortanti, infatti, da gennaio a maggio del 2022 è stato registrato un incremento del 65% di incidenti rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Venti morti in Sicilia

Gli infortuni sono stati 15.604 contro i 9.449 del 2021. I morti sono stati 20, con l’esclusione dei decessi per Covid, nello stesso arco temporale contro i 22 dell’anno precedente. A tenere accesi i riflettori sul tema Cgil e Uil Sicilia che hanno organizzato stamattina un sit-in di protesta davanti all’Assessorato Regionale del Lavoro. Tra i settori con la più alta incidenza di infortuni ci sono l’edilizia, il turismo e il settore dei servizi terziari: 11.361 casi contro i 6.320 del 2021. Le città che hanno registrato più denunce sono Palermo (2.319) e Catania (2.257).

Mancano gli ispettori del lavoro

«È una situazione insostenibile – dichiarano Francesco Lucchesi (CGIL) e Giuseppe Raimondi (UIL) – di fronte alla quale il fatto che l’isola abbia solo 63 ispettori del lavoro fa rabbia. Se ci riferiamo ai parametri adottati su scala nazionale quello di 1 per 100 mila abitanti, in Sicilia dovrebbero esserci 500 ispettori del lavoro.

Non servono riunioni episodiche per rimarcare lo sdegno e ciò che ci si dice sempre ma un reale monitoraggio e azioni conseguenti». Infine, i sindacati hanno suggerito un’intesa col Ministero del Lavoro per la dislocazione in Sicilia dei vincitori e idonei del concorso nazionale, che vede la Sicilia esclusa perché non ha recepito la legge istitutiva dell’Ispettorato nazionale del lavoro.

Gli accordi con l’assessore Scavone

“Un piccolo passo avanti è stato fatto. L’assessore regionale Scavone ci ha garantito, infatti, che sta lavorando a un accordo con il governo nazionale per provare a risolvere il problema della sicurezza nei luoghi di lavoro partendo dalla mancanza degli ispettori in Sicilia. Ci auguriamo, e vigileremo su questo, che l’impegno assunto oggi con Cgil e Uil si traduca presto in risultati concreti” – hanno continuato Lucchesi e Raimondi, a termine della manifestazione di protesta in via Trinacria.

“Il governo regionale ci ha informato di avere intrapreso, raccogliendo le nostre sollecitazioni, una interlocuzione col ministero del lavoro affinché i vincitori siciliani del concorso nazionale per gli ispettori del lavoro possano operare in Sicilia, distaccati da Roma. L’accordo, ci ha detto Scavone, è a buon punto. Ci sono una serie di dettagli da definire e, si spera, entro la metà di agosto di potere avere il testo pronto”.

Sonia Sabatino

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684