Inquinamento in Sicilia, report di Corrao all’Ue - QdS

Inquinamento in Sicilia, report di Corrao all’Ue

Raffaella Pessina

Inquinamento in Sicilia, report di Corrao all’Ue

giovedì 11 Aprile 2019 - 00:00

L’eurodeputato pentastellato: “Violate quattro direttive”
Dati su mancata bonifica comprensorio Gela

PALERMO – Il deputato europeo del Movimento 5 Stelle, Ignazio Corrao, ha interessato il Parlamento europeo per ottenere un risarcimento finalizzato a bonificare l’area inquinata del Golfo di Gela.

“Dopo la prima incredibile risposta della Commissione europea – ha detto Corrao – che metteva nero su bianco la mancata conoscenza dello scempio ambientale dell’area del Golfo di Gela, abbiamo consegnato a Bruxelles un dettagliato report con i dati che testimoniano le possibili violazioni di ben quattro direttive”.

“Dato che anche l’Arpa ci ha confermato di non avere uomini e mezzi a sufficienza per garantire il monitoraggio previsto per legge – ha aggiunto – adesso l’Esecutivo europeo non ha più scuse per non far partire bonifiche a Gela e nel suo comprensorio”.

In prima battuta Corrao aveva ottenuto come risposta dalla Commissione europea che l’Europa non era a conoscenza del fatto e ora, a una precisa nuova interrogazione, ha effettuato un accesso agli atti ad Arpa provinciale ed è emerso che l’Ente non aveva potuto effettuare i controlli come previsto per legge a causa di uomini e mezzi carenti.

Corrao ha pertanto inviato nuova documentazione con dati e relazione alla Commissione europea. “Adesso – ha sottolineato – l’Esecutivo europeo ha tutte le informazioni per poter valutare la situazione e pretendere l’avvio delle bonifiche e il risarcimento del danno, così come previsto dalle direttive europee. Se il territorio a questo punto e i suoi cittadini, dovessero ancora una volta non essere risarciti per come meritano, si profilerebbe una violazione del diritto europeo, sanzioni allo stato italiano e dare via al commissariamento per superare la violazione e l’infrazione”.

“La vicenda – ha concluso – sarà oggetto di attenzione della Commissione Petizioni del Parlamento Europeo”.

R.P.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684