Il killer di Chesapeake lascia un messaggio in cui accusa i colleghi

Usa. “I miei colleghi ridevano di me chiamandomi Jeffrey Dahmer”: le accuse del killer del supermercato

ritacinardi

Usa. “I miei colleghi ridevano di me chiamandomi Jeffrey Dahmer”: le accuse del killer del supermercato

Redazione  |
sabato 26 Novembre 2022 - 09:04

L'uomo non aveva precedenti penali, è stato reso noto. L'arma da 9 mm che ha usato è stata acquistata legalmente

L’uomo responsabile della sparatoria del 23 novembre nel supermercato Walmart a Chesapeake, nello stato americano della Virginia, aveva acquistato la pistola la mattina stessa dell’attacco e ha lasciato un messaggio in cui accusa di vessazioni i suoi compagni di lavoro. “Vorrei poter salvare tutti da me stesso (…) Mio Dio, perdonami per quello che sto per fare”, si legge nel messaggio trovato sul telefono dell’aggressore, che si è tolto la vita dopo aver ucciso sei persone nel negozio dove lavorava come supervisore notturno. La Lettera è stata diffusa dalle autorità locali di su Twitter. “I miei colleghi hanno riso di me e hanno detto che ero come Jeffrey Dahmer. Non avrei mai ucciso nessuno che fosse entrato in casa mia”, si legge nel messaggio, che cita il serial killer statunitense. L’uomo non aveva precedenti penali, è stato reso noto. L’arma da 9 mm che ha usato è stata acquistata legalmente.

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001