La caduta degli Dei - QdS

La caduta degli Dei

web-la

La caduta degli Dei

web-la |
venerdì 22 Ottobre 2021 - 07:02

La clessidra della Storia e, forse, della Giustizia può essere fermata, con artefizi socioculturale, se non addirittura scolastici, come in Matrix, ma non indefinitamente

Come nel malinconico film di Luchino Visconti la fine di un’era aveva sentire di predestinazione. Da oltre un anno il Sindaco Orlando veniva quasi, anche personalmente, implorato di avere un barlume di resipiscenza,  abbandonando il trono della sua Camelot, la nostra Alcatraz.

Il problema non è giudiziario, quello è un binario che farà il suo accidentato corso, è storico.

La clessidra della Storia e, forse, della Giustizia può essere fermata, con artefizi socioculturale, se non addirittura scolastici, come in Matrix, ma non indefinitamente.

In una Repubblica per alcuni, ma non per tutti, garantista, l’avviso di garanzia è un atto a favore degli imputati.

Ma non per Leoluca Orlando Cascio che è già passato alla storia, quella con la esse minuscola, per l’aforisma che tanto male fece a Giovanni Falcone.

Il sospetto è l’anticamera della verità.

Cosa sospettano gli inquirenti? Che abbia fatto una partita più che doppia, falsa addirittura, sui bilanci del Comune.

Ha ignorato i crediti delle partecipate, sostengono, o aumentato fraudolentemente le entrate.

Il caso scuola è l’Amat dove non solo disconosce importantissimi crediti da questa vantati e richiesti per via giuridica al Comune, ma chiede aumentando artefattamente le entrate, una valanga di soldi per tasse comunali.

L’Amat resiste e fa annullare, avendo ragione in giudizio, la devastante cartella esattoriale del Comune.

Il Golia Leoluca mi cade a causa di un Cimino.

Cade anche il dogma che voleva Orlando Cascio più infallibile del Papa sulla virtù cardinale della Giustizia.

Lui che era il Leviatano, figura mitologica, e quindi deificante, che conteneva in un’unica persona la Trinità del potere, ideologico-spirituale, di quello amministrativo pratico, di quello spregiudicantemente politico.

Ma nonostante i suoi quarant’anni di pervicace influenza come dice una mia sapiente amica agricola, buontempo non dura tutto il tempo.

E l’inverno di un effimera primavera è arrivato.

Addio al trono dell’Olimpo.

Giovanni Pizzo

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684