La pittura come denuncia, le opere di Fava in mostra a Catania - QdS

La pittura come denuncia, le opere di Fava in mostra a Catania

redazione

La pittura come denuncia, le opere di Fava in mostra a Catania

giovedì 20 Febbraio 2020 - 00:00
La pittura come denuncia, le opere di Fava in mostra a Catania

Nella Galleria d’arte moderna di via Castello Ursino settanta opere, tra dipinti ad olio, incisioni e disegni, realizzate tra la fine degli anni Cinquanta ai primi anni Ottanta, quando il giornalista venne ucciso dalla mafia

CATANIA – “La pittura come documento, racconto e denuncia” è la mostra di opere pittoriche di Giuseppe Fava, che è stata inaugurata ieri, alla Galleria d’arte moderna di via Castello Ursino 26 (angolo via Transito). All’incontro sono intervenuti il sindaco Salvo Pogliese e l’assessore alla Cultura, Barbara Mirabella, la presidente della fondazione Fava, Francesca Andreozzi, la curatrice della mostra, Giovanna Mori, Giuseppe Maria Andreozzi, responsabile dell’archivio Giuseppe Fava, e don Luigi Ciotti presidente di Libera.

L’evento è stato organizzato dall’assessorato alle Attività e ai Beni culturali del comune di Catania insieme con la fondazione Giuseppe Fava che ha ideato il progetto espositivo, a cura di Giovanna Mori. L’obiettivo è quello di portare a conoscenza del pubblico che Fava, ucciso per mano della mafia il 5 gennaio del 1984, oltre che giornalista fu scrittore, drammaturgo e anche pittore.

Dopo la mostra di Taormina del 2001, e la recente esposizione a Milano, l’evento torna in Sicilia con una raccolta di circa 70 opere, tra dipinti ad olio, incisioni e disegni realizzati lungo un arco di tempo che corre dalla fine degli anni cinquanta ai primi anni ottanta.Un’occasione per cogliere e apprezzare la poliedricità di Fava, il suo muoversi con efficacia su vari ambiti espressivi strettamente integrati fra loro poiché uniti dal medesimo intento: osservare per raccontare con sguardo lucido e senza timore.

L’esposizione sarà arricchita da materiale documentario, come fotografie, prime edizioni, presentazioni di personali e video, che permetterà ai visitatori di avvicinarsi ulteriormente all’artista e alla sua opera. L’apertura al pubblico è prevista sino al 14 marzo, dal lunedì al sabato, con orario continuato dalle 9 alle 19. Domenica e festivi chiusa. L’ingresso è libero.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684