La sfida di Burgio per il 2024, essere Capitale della Cultura - QdS

La sfida di Burgio per il 2024, essere Capitale della Cultura

Pietro Vultaggio

La sfida di Burgio per il 2024, essere Capitale della Cultura

venerdì 10 Dicembre 2021 - 03:15

Il piccolo centro dell’agrigentino (poco meno di 2.600 abitanti) vuole lanciarsi a livello nazionale puntando sul proprio patrimonio artistico, storico e culturale. Ecco il piano del sindaco Matinella

BURGIO (AG) – Si può essere un Comune con appena 2.594 abitanti e, allo stesso tempo, puntare in alto. Questa è la filosofia che contraddistingue il sindaco di Burgio, Francesco Matinella, che ha lanciato il proprio paese verso la candidatura a Capitale italiana della Cultura 2024.

“La partecipazione di un piccolo borgo – spiega il primo cittadino al QdS – vuole essere una scommessa, una sfida posta a metà strada tra la realtà e l’impossibilità. Un sogno, una visione che, comunque, vede il concetto di Patrimonio culturale non più, soltanto, come un complesso di grandi, importanti e celebri monumenti, edifici e opere d’arte, o di grandi invenzioni, ma dà maggiore risalto a un patrimonio culturale poco conosciuto”.

“Burgio – aggiunge – è anche uno dei pochi Comuni che può vantare tre musei con altrettante opere di grande valore e soprattutto su un patrimonio meno tangibile, costituito da conoscenze rurali e artigianali, da strumenti, manufatti e spazi culturali associati a un luogo semplice ed autentico, ma quasi sconosciuto”.

Nel dossier di presentazione per la candidatura a Capitale della Cultura si legge: “La partecipazione di Burgio al bando è diretta a far conoscere e promuovere un modo di essere che tiene conto della salute delle famiglie, della contentezza dei momenti di svago, della qualità dell’aria che si respira e del cibo che si mangia. Un modo di essere che comprende la bellezza del paesaggio, la genuinità del territorio e la solidità delle tradizioni rurali, artigianali e culturali. Un modo di concepire il perseguimento del benessere fondato su ciò che, per i burgitani, rende la vita veramente degna di essere vissuta”.

Su cosa si punta in particolare? Sulla rinomata ceramica con rimandi al XVI secolo, sulla presenza di importanti luoghi e Istituzioni come il Quartiere dei Figuli e il Muceb (Museo della Ceramica di Burgio), sull’esistenza dell’unica fonderia di campane della Sicilia (una delle poche esistenti in Italia, fondata nel 1500), sulle oltre dieci chiese e il Castello Normanno e sulle manifestazioni artistiche che si tengono sul territorio. Tutto questo rende Burgio un paese ricchissimo, nonostante l’esiguo numero di abitanti.

La candidatura a Capitale della Cultura è quindi vista anche come un’opportunità per trasformare criticità e difficoltà in elementi rigenerativi, capaci di creare valore e sviluppo capaci di creare un indotto turistico notevole. “È una possibilità pubblicitaria a tutti gli effetti – conclude il sindaco Matinella – al fine di smuovere la curiosità dei cittadini del mondo che, in questo modo, verranno a conoscere una piccola realtà ma piena di cose da vedere”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684