Le udienze civili digitali - QdS

Le udienze civili digitali

Sebastiano Attardi

Le udienze civili digitali

martedì 21 Luglio 2020 - 00:00
Le udienze civili digitali

Il Covid-19 ha cambiato pure lo svolgimento delle udienze civili

A causa dell’isolamento sanitario disposto dal legislatore italiano, le udienze civili attualmente si svolgono in maniera del tutto diversa da come si svolgevano prima del 9 marzo 2020. Infatti, dopo tale data avviene che le cause – che non richiedano la presenza di persone giuridicamente interessate al processo, diverse dagli avvocati delle parti, quando quindi non si deve svolgere un’attività istruttoria, ma occorre soltanto formulare richieste e conclusioni – non necessitano più della presenza degli avvocati in udienza per redigere il verbale.

Infatti, al posto di detto verbale, le richieste vanno fatte prima dell’udienza mediante il deposito telematico di note scritte. Naturalmente, perché si proceda in siffatta maniera, occorre che il Giudice – al quale è assegnata la causa – emetta preventivamente un provvedimento che deve essere notificato, alle parti costituite, almeno trenta giorni prima della data fissata per l’udienza. Con lo stesso provvedimento, il Giudice assegna un termine fino a cinque giorni prima di tale data per il deposito delle note scritte.

La legge, però, prevede che entro cinque giorni dalla detta comunicazione, ciascuna delle parti – tramite il proprio legale – potrà invece presentare istanza di trattazione orale della causa. Negli ulteriori giorni successivi, il Giudice, ove lo riterrà opportuno, deciderà su tale istanza. Il Legislatore prevede ancora che l’udienza civile “ da remoto” ( meglio: a distanza), possono richiederla uno o più difensori delle parti in causa, mentre il Giudice non ha la facoltà di prendere questa iniziativa.

L’istanza per l’udienza da remoto va depositata almeno quindici giorni prima della data fissata per l’udienza. Il Giudice, accogliendola passivamente, dovrà soltanto disporre la comunicazione alle parti in causa sia dell’istanza sia dell’ora e delle modalità del collegamento. Tutto ciò dovrà avvenire almeno cinque giorni prima della fissata udienza. Il Giudice dirigerà il procedimento civile dal proprio ufficio sito in Tribunale, mediante il collegamento in video conferenza.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684