Lea, Sicilia promossa ma con criticità - QdS

Lea, Sicilia promossa ma con criticità

Andrea Carlino

Lea, Sicilia promossa ma con criticità

giovedì 11 Aprile 2019 - 00:00

Report del ministero della Salute su monitoraggio dei Livelli essenziali di assistenza per il 2017
L’Isola raggiunge il livello minimo accettabile ma peggiora la performance rispetto al passato

PALERMO – Il Ministero della Salute ha pubblicato il report dettagliato con il monitoraggio dei Lea (Livelli essenziali di assistenza) per il 2017. Per la prima volta sono forniti anche i punteggi delle Regioni a statuto speciale non sottoposte a verifica adempimenti (Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Province Autonome di Trento e Bolzano) Il Piemonte guida le otto Regioni che ottengono un punteggio superiore a 200, altre otto raggiungono il livello minimo accettabile (tra 200 e 160) mentre per cinque Regioni il punteggio è inferiore a 160. Le otto Regioni che raggiungono un punteggio superiore a 200 sono: Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lombardia, Umbria, Abruzzo e Marche. Le Regioni sottoposte alla verifica di tali adempimenti sono quelle ordinarie e la Sicilia. Altre otto Regioni si collocano in un punteggio compreso tra 200 e 160 (livello minimo accettabile): Liguria, Friuli Venezia Giulia, Basilicata, Provincia Autonoma di Trento, Lazio, Puglia, Molise e Sicilia.
Rispetto al 2016, la situazione siciliana appare peggiorata: infatti, l’anno precedente la nostra regione ha totalizzato un punteggio pari a 163. In generale, l’Isola ha manifestato un andamento alquanto altalenante: nel 2015 aveva ottenuto un punteggio inadempiente (153), mentre appena nei due anni precedenti, 2014 e 2013, si superava abbondantemente quota 160 (rispettivamente 170 e 165).
La griglia Lea 2017 si compone di 33 indicatori ripartiti tra le attività di prevenzione collettiva e sanità pubblica, l’assistenza distrettuale e l’assistenza ospedaliera erogate dalle regioni. Consente di individuare per le singole realtà regionali sia quelle aree di criticità in cui si ritiene compromessa un’adeguata erogazione dei livelli essenziali di assistenza, sia di evidenziare i punti di forza dell’assistenza sanitaria erogata
Per il 2017, per quanto riguarda la Sicilia, si rileva una criticità nel livello di assistenza della prevenzione, ed in particolare nell’area delle vaccinazioni, per gli indicatori copertura vaccinale nei bambini a 24 mesi per ciclo base (3 dosi) (polio, difterite, tetano, epatite B, pertosse, Hib) (più di una percentuale inferiore al 92% contro tutte le coperture uguale o superiore al 95%). Si registra uno scostamento non accettabile rispetto ai valori di riferimento, nell’area degli screening, per cervice uterina, mammella, colon retto (score 3 contro score 9), come già rilevato dal 2012. Per il livello di assistenza distrettuale, invece, le criticità sono relative agli indicatori dell’assistenza sociosanitaria residenziale e semiresidenziale, sia per quanto riguarda il numero di posti per assistenza agli anziani con età media di 65 anni in strutture residenziali per 1.000 anziani residenti (1,41 contro 10), numero di posti in strutture residenziali che erogano assistenza ai disabili ogni 1.000 residenti (0.29 contro 0.60) e numero di posti in strutture semiresidenziali che erogano assistenza ai disabili ogni 1.000 residenti (0.34 contro 0.45) che registrano uno scostamento non accettabile rispetto ai valori di riferimento, già rilevati dal 2015. Nell’area ospedaliera si registra uno scostamento rispetto al valore di riferimento per l’indicatore “percentuale parti cesarei primari in maternità di II livello” (30,5% di livello medio contro 25%).
Andrea Carlino

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684