La leggenda delle “33 Donas de fuera” - QdS

La leggenda delle “33 Donas de fuera”

Chiara Spampinato

La leggenda delle “33 Donas de fuera”

venerdì 19 Novembre 2021 - 02:30

Si narra si trattasse di 33 potenti creature, sottomesse ad una “madre maggiore” chiamata “la savia sibilla”, maestra e matrona

Le “33 donas de fuera”, dallo spagnolo “donne d’altrove”, costituisce l’ennesima leggenda siciliana dai tratti assai particolari e misteriosi, paragonabili alle fate del folklore britannico.

Tra il XVI ed il XVII sec., ai tempi della dominazione spagnola, tra i documenti dei processi legati alla caccia alle streghe in Sicilia, emergono varie testimonianze di questi caratteristici personaggi.

Si trattava di donne per lo più ma vi erano anche uomini, provenienti dal Regno di Napoli, più esattamente da Benevento. Bellissime, vestite o di rosso o di bianco o di nero, aventi piedi di gatto o cavallo. Pare si riunissero ogni martedì, giovedì e sabato nei boschi ad incontrare gli esseri umani e in quelle occasioni, venissero istruite dal sovrano di competenza affinché utilizzassero in maniera saggia e benevola i loro poteri.

Tra il 1579 ed il 1661, durante la caccia alle streghe, l’inquisizione le denunciò come streghe ma non maligne, in quanto mai nelle loro confessioni venne menzionato il diavolo, piuttosto spiccava la loro associazione ad elfi, fate e folletti. Gli imputati, circa 65, come testimoniano i documenti relativi ad i processi di quel tempo per stregoneria, dichiaravano di essere amici delle fate ed avevano infatti il “sangue dolce”!

La tradizione vuole si riunissero sotto forma eterea, lasciando invece i loro corpi, come dormienti, laddove ognuna risiedeva. Lo spunto per la leggenda potrebbe imputarsi alla incredulità maschile dinnanzi alle mille doti e peculiarità delle donne in generale e delle brave mogli nello specifico!

Un modo originale e fantastico di spiegare come una donna potesse al contempo essere moglie impeccabile, desiderabile nell’aspetto, abile nelle faccende domestiche, puericultrice esperta ma al contempo forte ed energica! Non poteva che essere frutto di un patto col diavolo! Questa donna, un po’ fata ed un po’ strega, magica insomma!

Ma non erano né questo né quello. Le “donas de fuera”, dette anche in base alla provenienza: donni ri fora, belli signuri, patruni i casa o donni ri locu, sarebbero state sia generose che spietate all’occorrenza.

Si narra si trattasse di 33 potenti creature, sottomesse ad una “madre maggiore” chiamata “la savia sibilla”, maestra e matrona.

Tipico per loro era abbandonare i propri corpi ed intrufolarsi in forma incorporea nelle case o per premiare o per castigare chi avesse meritato il loro amore o la loro ira! Non facevano rumore se non qualche scricchiolio e sussurri quasi impercettibili e se sorprese dalla luce del giorno si trasformavano in rospi, sino alla notte successiva.

La donna de fuera era fedele e poteva confidare al marito la sua vera natura. la formula per ricevere la benevola visita della bella signora raccomandava di far ardere dell’incenso, bruciare alloro e rosmarino alla mezzanotte e recitare una sorta di incantesimo:
“Ti salutu re di lu Suli, ti saluto re di la Luna, ti salutu stidda ‘ndiana! Beni aspettu ‘ntra a simana!”

Che facciamo, vogliamo provare?

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684