Lipari, ragazza morta, oggi gli ispettori del Ministero - QdS

Lipari, ragazza morta, oggi gli ispettori del Ministero

redazione web

Lipari, ragazza morta, oggi gli ispettori del Ministero

mercoledì 02 Settembre 2020 - 00:03
Lipari, ragazza morta, oggi gli ispettori del Ministero

Ieri l'assessore Razza, inviato sull'isola da Musumeci, aveva dichiarato di essere alle Eolie "per migliorare la situazione dell'ospedale" dove oggi è stata sospesa la protesta dei familiari di Lorenza Famularo. L'infermiere, precisa l'Asp, non è stato sospeso

Con l’arrivo degli ispettori del ministero della Sanità, guidati da Maria Grazia Laganà, che per oltre quattro ore hanno compiuto accertamenti nell’ospedale di Lipari, il comitato, dopo una settimana, ha sospeso il presidio del nosocomio.

Sempre oggi è arrivata la commissione regionale della Salute presieduta da Margherita La Rocca Ruvolo che ha incontrato i sindaci eoliani e alcuni rappresentanti del comitato isolano.

La presidentessa La Rocca ha confermato che la Commissione condivide in pieno gli impegni assunti nella visita di ieri dall’assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza .

“Sono qui per migliorare la situazione all’ospedale di Lipari, a partire dal potenziamento dell’organico dei medici” aveva detto ieri Razza , che, come promesso dal presidente della Regione Nello Musumeci, si era recato a Lipari come richiesto dai familiari di Lorenza Famularo, la ragazza di ventidue anni morta dopo esser stata visitata nell’ospedale dell’isola.

“C’è la volontà politica – aveva aggiunto – di rendere meno disagiata questa struttura. Un primo provvedimento lo abbiamo preso e riguarda il contributo per le partorienti delle isole minori siciliane”.

“Per la riapertura del punto nascite – aveva concluso Razza – non dipende da noi ma dal governo nazionale. Faremo delle valutazioni con il Ministero perché queste sono zone disagiate e deve essere riconosciuto il diritto alla salute. E la presenza dei medici dovrà essere garantita”.

“Faremo anche noi in modo – ha detto oggi la Presidente Ruvolo – di accelerare l’iter per rendere più efficiente l’ospedale eoliano: bisogna anche fare in modo di riaprire il punto nascite e in questa ottica solleciteremo il Ministero perché conceda la deroga”.

Intanto, mentre la Procura di Barcellona Pozzo di Gotto lavora sull’ipotesi dell’omicidio colposo, il direttore generale dell’Asp Paolo La Paglia ha precisato che “l’infermiere non è stato sospeso ma si sta valutando la sua posizione”.

Il procuratore Emanuele Crescenti e il sostituto Rita Barbieri hanno fatto eseguire l’autopsia, il cui referto non è stato ancora depositato, ma secondo indiscrezioni avrebbe accertato che Lorenza Famularo è morta per un’embolia polmonare massiva.

La ragazza era stata visitata nella Guardia medica e nel Pronto soccorso dell’ospedale e curata con antidolorifici.

Tornando a Razza, ieri l’assessore si è recato nel Municipio di Lipari dove ha incontrato il sindaco Marco Giorgianni e successivamente in ospedale per sentire i medici, accompagnato dal direttore generale dell’Asp di Messina, Paolo La Paglia.

Il nosocomio, come detto, è presidiato da cittadini di Lipari da una settimana, subito dopo la celebrazione dei funerali di Lorenza Famularo.

Durante gli incontri l’assessore Razza ha fatto il punto dei progetti della Regione per Lipari: un elicottero del 118 solo per l’isola, un concorso specifico per il locale ospedale per la copertura di tutte le posizioni previste, convenzioni con altre aziende ospedaliere o privati per coprire i vuoti nel nosocomio e incentivi per chi lavora in zone disagiate.
Inoltre il Tavolo per le Isole minori sarà integrato da un rappresentante del Comitato locale.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684