Lotta alla mafia, Paceco rende omaggio a Mauro Rostagno - QdS

Lotta alla mafia, Paceco rende omaggio a Mauro Rostagno

Pietro Vultaggio

Lotta alla mafia, Paceco rende omaggio a Mauro Rostagno

sabato 02 Ottobre 2021 - 00:20

“Diecimila euro di fondi comunali con previsione di ultimare i lavori entro la primavera 2022”, spiega il primo cittadino di Paceco, Giuseppe Scarcella, intervistato dal Quotidiano di Sicilia

PACECO (TP) – “Io sono più trapanese di voi perché ho deciso di esserlo”.
E di scelte forti Mauro Rostagno ne ha fatte tante nel corso della sua vita: alla guida delle manifestazioni studentesche del Sessantotto; cofondatore di Lotta Continua (una delle maggiori formazioni della sinistra extraparlamentare italiana); cofondatore della comunità socioterapeutica Saman, oltre a centinaia di inchieste giornalistiche su Cosa Nostra ed il suo potere.

Il 26 settembre del 1988, presso la località Lenzi di Valderice, alcuni sicari mafiosi mettono fine alla sua vita con un fucile a pompa calibro 12. Dopo poco tempo, sul luogo dell’uccisione è stato posizionato un monumento commemorativo, un monito per le future generazioni. Adesso, l’amministrazione di Paceco, guidata da Giuseppe Scarcella, ha deliberato l’acquisizione di un’opera scultorea del giornalista da collocare in piazza Vittorio Emanuele “allo scopo di restituire in modo permanente alla cittadinanza – è motivato nell’atto – l’immagine di un uomo che ha sacrificato la propria vita per la Verità e la Giustizia”.

L’opera, dal titolo “Mauro Rostagno – L’uomo col cappello”, sarà realizzata dall’artista pacecoto Massimiliano Errera, che curerà anche il trasporto, il montaggio e l’installazione. La scultura, in ferro zincato, alta 80 centimetri, sarà montata su una base costituita da un blocco di pietra grezza di 1,50 x 1 metro.

Abbiamo raggiunto telefonicamente Giuseppe Scarcella.

Sindaco, qual è stato l’iter, la provenienza della somma e quali tempistiche si prevedono?
“L’idea nasce mesi addietro per dare lustro alla figura del giornalista nella lotta antimafia, volendo far coincidere l’atto deliberativo con l’anniversario dell’uccisione. Abbiamo inserito in bilancio diecimila euro, somma che comprende la realizzazione ed i costi del materiale. Per quanto riguarda la tempistica, volevamo anticipare i lavori a luglio per essere così pronti a settembre, ma non siamo riusciti, quindi prevedo primavera 2022”.

In chiave generale, sul tema antimafia il Comune di Paceco quali interventi andrà a fare e quali ha già effettuato?
“Nel 2018 è stato inaugurato il giardino della legalità con l’intitolazione al giudice Alberto Giacomelli, anche lui vittima di mafia. Questo progetto, anche se inaugurato da me, era stato già disposto dalla precedente amministrazione con fondi concessi dal consorzio trapanese per la legalità e lo sviluppo, di cui sono stato presidente. C’è un’altra iniziativa che comprende la realizzazione di un murales a Nubia. Bisogna considerare anche che Paceco è uno dei pochi Comuni trapanesi, di quest’area territoriale, presenti nel Consorzio perchè gli altri provengono dal Belìce, oltre ad Alcamo e Castellammare. Vogliamo fortemente l’adesione di tutte le città del territorio per una presenza costante all’interno del Consorzio al fine di effettuare un’azione più incisiva ed efficace possibile per la realizzazione dei progetti”.

Lottare contro il mondo intero, questo è quello che faceva Mauro Rostagno, così come tutti gli uomini coraggiosi che hanno deciso di non arrendersi alle dinamiche di una realtà persa nelle logiche dell’imperfezione umana. L’onestà e la ricerca costante della verità erano le sue ossessioni, ma quel mondo non lo voleva, quel mondo che in un certo senso gli era passato di fianco non lo voleva più tra i suoi figli.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684