Mafia, in 30 anni in Italia sciolti 357 Comuni e 7 aziende sanitarie

Mafia, in 30 anni in Italia sciolti 357 Comuni e 7 aziende sanitarie

web-pv

Mafia, in 30 anni in Italia sciolti 357 Comuni e 7 aziende sanitarie

web-pv |
martedì 17 Maggio 2022 - 13:52

E' quanto emerge dalla "Relazione sulla prevenzione della corruzione e sulla trasparenza nei Comuni sciolti per mafia" approvata dalla Commissione parlamentare antimafia

Tra l’agosto del 1991 e il 30 novembre del 2021 i comuni sciolti per infiltrazioni mafiosi in Italia sono stati 364, in particolare 357 comuni e 7 aziende sanitarie. Gli scioglimenti hanno riguardato enti di undici regioni italiane, dimostrando come il fenomeno non sia più limitato alle regioni dell`Italia meridionale, ‘storicamente’ interessate dalla presenza della criminalità organizzata di tipo mafioso, avendo coinvolto, pur se in misura inferiore, anche regioni dell`Italia settentrionale. E’ quanto emerge dalla “Relazione sulla prevenzione della corruzione e sulla trasparenza nei Comuni sciolti per mafia” approvata dalla Commissione parlamentare antimafia.

La relazione

Nel 2020, sono stati 53 i comuni affidati a una gestione commissariale: ai 42 che si trovavano in tale condizione al primo gennaio (17 dei quali sono poi tornati al voto a settembre 2020), se ne sono aggiunti 11 nei confronti dei quali lo scioglimento è stato disposto durante il medesimo anno solare. In 17 comuni, giunti al termine della gestione commissariale si è avuta in più casi la riconferma di sindaci eletti prima che avvenisse lo scioglimento con una rilevante presenza di liste civiche in luogo dei partiti tradizionali e, talvolta, si è riscontrata una scarsa effettiva competizione.

Dall’analisi riportata nella Relazione emerge che le gestioni commissariali “non prestano la dovuta attenzione o, comunque, non riescono ad affrontare in maniera adeguata gli aspetti della trasparenza e della prevenzione della corruzione, che appaiono invece essenziali per consentire un graduale ritorno verso la legalità dei comuni che, sciolti in quanto inquinati dal condizionamento della criminalità organizzata, sono affidati alla loro amministrazione”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684