Mal di schiena: l’80% degli italiani ne soffre, in aumento quello dovuto allo stress - QdS

Mal di schiena: l’80% degli italiani ne soffre, in aumento quello dovuto allo stress

redazione

Mal di schiena: l’80% degli italiani ne soffre, in aumento quello dovuto allo stress

venerdì 10 Maggio 2019 - 00:00
Mal di schiena: l’80% degli italiani ne soffre, in aumento quello dovuto allo stress

Denaro, primario di Ortopedia UniCampus Roma. Il dolore può essere causato da diverse patologie, non solo scheletriche

Non solo discopatie e artrosi. “L’80% delle persone nel corso della vita ha un attacco di mal di schiena. Ma il mal di schiena non è una diagnosi, è un sintomo: il dolore può essere causato da problemi diversi, come ad esempio aneurisma dell’aorta, alcuni tumori o problemi addominali, e persino patologie ginecologiche. C’è poi il mal di schiena da stress, un problema in aumento in questi anni, specie nella popolazione giovane, collegato a problemi lavorativi o familiari: le tensioni psicosomatiche proiettano un dolore nella parte posteriore della colonna, a livello cervicale o più spesso lombare”.

A spiegarlo all’Adnkronos Salute è Vincenzo Denaro, professore ordinario e primario emerito di Ortopedia e traumatologia all’Università Campus Bio-Medico di Roma.
Come orientarsi allora nel rebus delle cause di mal di schiena?

“Non basta affidarsi agli esami, ma è importantissimo parlare con il paziente, ascoltarlo, e non limitarsi a ricorrere alla diagnostica per immagini. Nelle sue parole, nel racconto della sua vita, del tipo di dolore”, si celano preziosi indizi. “Ecco perché – sottolinea l’esperto – è anche importante non sottovalutare il problema, ma rivolgersi a un professionista preparato, evitando autodiagnosi o cure fai da te. Riconoscere un aneurisma dell’aorta, ad esempio, può salvare la vita”.

“Tutti i mal di schiena che nascono dalla struttura scheletrica – aggiunge lo specialista – hanno come conseguenza il blocco del soggetto, mentre se il dolore viene dai visceri c’è una sofferenza, ma il paziente non si blocca completamente”.

Nel caso delle discopatie, inoltre, queste ultime hanno “anche una componente genetica: alcune famiglie ne soffrono, altre no”. Ma la buona notizia è che anche in questi casi non sempre è necessario l’intervento chirurgico, “che oggi comunque è risolutivo e consente un recupero completo”, assicura Denaro, che nella sua struttura opera per queste problematiche circa 200 pazienti l’anno.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684