Malattia di Crohn e colite ulcerosa: vaccini essenziali per la prevenzione - QdS

Malattia di Crohn e colite ulcerosa: vaccini essenziali per la prevenzione

Raffaele Dario

Malattia di Crohn e colite ulcerosa: vaccini essenziali per la prevenzione

mercoledì 03 Luglio 2019 - 00:00
Malattia di Crohn e colite ulcerosa: vaccini essenziali per la prevenzione

Presentati a Milano i risultati di un’indagine: scarsa sensibilizzazione sul tema. Orlando (Villa Sofia Cervello): “Vanno eseguiti al momento della diagnosi”

PALERMO – Il soggetto affetto da Malattie infiammatorie croniche intestinali (Mici) è riconducibile alla categoria del paziente fragile, cioè quell’insieme di individui con un sistema immunitario compromesso. Le Mici (Malattia di Crohn e Colite Ulcerosa), note anche come Ibd – Inflammatory Bowel Diseases, implicano dunque maggiori rischi di incorrere in complicanze infettive. I rischi infettivi possono essere di origine virale, batterica o fungina.

Patologie senza particolari conseguenze per un paziente con un sistema immunitario efficiente, se contratte da un soggetto immunosoppresso, possono avere effetti anche molto gravi. La tubercolosi latente; l’Epatite A, B e C; l’herpes zoster; le polmoniti batteriche: sono solo alcuni esempi di malattie che possono avere conseguenze molto gravi in un paziente affetto da Mici.

Le strategie da attuare per scongiurare l’aumentato rischio a cui va incontro il paziente affetto da Mici a causa del suo elevato livello di immunosoppressione sono adeguati screening pretrattamento e vaccinazioni. “Gli screening permettono di evidenziare i soggetti predisposti ad alcune infezioni, ossia valutare gli anticorpi specifici del soggetto, per individuare, ad esempio, casi di tubercolosi latente o gli anticorpi per epatite o varicella – spiega Ambrogio Orlando, Responsabile di Unità Semplice Dipartimentale sulle Mici presso l’Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia Cervello di Palermo. – Ma la strategia su cui puntiamo molto per questi pazienti è la pratica di tutte le vaccinazioni, obbligatorie e non”.

“Le vaccinazioni andrebbero eseguite al momento della diagnosi della malattia infiammatoria cronica intestinale – aggiunge Orlando. – Due sono i motivi. Anzitutto, la vaccinazione eseguita in un soggetto che non ha ancora immunosoppressione ottiene il massimo risultato, ossia una protezione pari a quella della popolazione generale; in soggetti che stiano assumendo farmaci immunosoppressori o biologici, l’effetto della protezione si riduce del 30-40%. Il secondo motivo è che alcuni vaccini con virus attenuati o vivi non possono essere somministrati se il paziente sta assumendo farmaci immunosoppressori e/o biologici perché vi è il rischio di riattivazione del virus”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684