Mattarella “Gli appelli del Papa semi fecondi di giustizia e pace” - QdS

Mattarella “Gli appelli del Papa semi fecondi di giustizia e pace”

redazione

Mattarella “Gli appelli del Papa semi fecondi di giustizia e pace”

martedì 23 Aprile 2024
ROMA (ITALPRESS) – “Santità, In occasione del Suo onomastico Le giungano i più fervidi e sinceri auguri del popolo italiano e miei personali, unitamente ad affettuosi auspici di salute e benessere per la Sua persona. Come Ella ha recentemente dichiarato, “nessuno deve minacciare l’esistenza altrui”. Perfino tale regola fondamentale – questo “livello minimo” di convivenza umana – è posta in discussione nel drammatico contesto di una congiuntura internazionale e, in particolare, mediorientale segnata da violenze, contrasti, pulsioni di rivalsa”. Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio a Papa Francesco, Jorge Bergoglio, in occasione di San Giorgio.
“Suonano pertanto opportuni e pressanti i Suoi appelli alla salvaguardia degli imprescindibili vincoli di fratellanza, appelli che non cessano di interrogare le coscienze di milioni di donne e uomini di ogni continente e che costituiscono per credenti e non credenti semi fecondi di giustizia e di pace – prosegue Mattarella -. Nella ricorrenza della festa di san Giorgio, Le rinnovo, Santo Padre, le espressioni della vicinanza del popolo italiano e della mia massima considerazione per la Sua alta missione apostolica”.

– Foto ufficio stampa Quirinale –

(ITALPRESS).

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017