Salvini contestato a Lampedusa, fischi e urla in aeroporto - QdS

Salvini contestato a Lampedusa, fischi e urla in aeroporto per il leader della Lega

web-sr

Salvini contestato a Lampedusa, fischi e urla in aeroporto per il leader della Lega

web-sr |
giovedì 04 Agosto 2022 - 17:23

Salvini contestato da alcuni turisti al momento del suo arrivo a Lampedusa. L'ex ministro dell'Interno farà visita all'hotspot

Il leader della Lega, Matteo Salvini, è arrivato oggi pomeriggio a Lampedusa. L’ex ministro dell’Interno rimarrà sull’isola siciliana per una visita di due giorni.

Al momento del suo approdo all’aeroporto, Salvini è stato contestato da alcuni turisti che attendevano di imbarcarsi per partire. Per lui fischi e urla da parte dei presenti.

Salvini a Lampedusa, le tappe della visita

Il leader della Lega, una volta lasciato l’aeroporto, si è recato al Comune per incontrare il sindaco Filippo Mannino e il suo vice Attilio Lucia.

Sempre nel pomeriggio Salvini ha fatto visita all’hotspot di contrada Imbriacola dove sono attualmente ospitati 650 migranti.

Salvini: “Accordi con Libia necessari”

“Gli accordi con la Libia sono necessari”, ha dichiarato il leader della Lega di lasciare l’hotspot di Lampedusa. “Io spero che la Libia ritrovi tranquillità e democrazia, perché oggi non è così e che anche in Tunisia tornino democrazia e tranquillità, sono due Paesi straordinari ma che in questo momento hanno grandi problemi“.

“Il nostro obiettivo sono i centri di identificazione e prevenzione in Nord Africa. Sicuramente collaborare con la Guardia Costiera tunisina e libica sarà fondamentale”, prosegue.

A chi gli dice che al momento la Guardia Costiera Libica è nelle mani di Erdogan, replica: “Non è colpa di Salvini”. “Se in passato l’Italia con l’Europa è fuggita dalla Libia facendo un errore madornale, abbiamo lasciato che fossero Turchia e Russia a occupare il territorio è perché l’Europa ha sbagliato“.

Lampedusa, continuano i trasferimenti dei migranti

Nelle scorse ore, intanto, sono proseguite le operazioni di trasferimento delle persone presenti all’interno della struttura di prima accoglienza.

Un consistente numero di migranti è stato imbarcato su due navi che raggiungeranno la terraferma.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684