Mazzarrone compie 45 anni, autonomia scommessa vinta - QdS

Mazzarrone compie 45 anni, autonomia scommessa vinta

redazione

Mazzarrone compie 45 anni, autonomia scommessa vinta

martedì 04 Maggio 2021 - 00:02
Mazzarrone compie 45 anni, autonomia scommessa vinta

Il 7 maggio ricorre l’anniversario dell’indipendenza del Comune. Intervista esclusiva al sindaco Giovanni Spata: “Oggi il nostro territorio, grazie all’uva da tavola, è conosciuto in tutto il mondo”

Il 7 maggio sarà un giorno importante per la comunità di Mazzarrone perché ricorre il 45° anniversario dell’autonomia comunale, ottenuta dopo una lunga lotta di rivendicazione durata circa vent’anni, iniziata nel 1958.

Per tutti i mazzarronesi il 7 maggio è una data molto importante – ha dichiarato in esclusiva per il QdS il sindaco del Comune di Mazzarrone, Giovanni Spata – perché nel 1976 vennero erette in unico Comune autonomo le località Piano Chiesa, Botteghelle, Cucchi, Leva e Grassura (del Comune di Caltagirone) e la località Botteghelle-Sciri Sottano (del Comune di Licodia Eubea). Il percorso per l’ottenimento dell’autonomia è stato molto travagliato. Negli anni si sono succeduti diversi comitati che hanno ottenuto appositi disegni di legge all’Assemblea regionale siciliana, hanno raccolto firme di adesione e, alla fine, l’autonomia è stata sancita nella legge 7 maggio 1976, n. 55”.

“La mia fiat 1100 grigia fu battezzata come la macchina dell’autonomia – ha detto dal canto suo Biagio Consoli, presidente dell’allora comitato pro-autonomia Mazzarrone -, ritornai da Palermo alla fine della seduta notturna, erano le ore 5 di mattina e con un megafono, girando per tutto il paese e svegliando i mazzarronesi, diedi la notizia che Mazzarrone era diventato Comune autonomo. Con altre 100 auto al seguito ci recammo a Caltagirone e a Licodia Eubea per ringraziare i sindaci delle rispettive città. L’indipendenza dal Calatino per noi era di fondamentale importanza, perché venivamo ricordati solo a tempo di elezioni, ma io avevo intuito che il nostro territorio e i mazzarronesi avessero un grosso potenziale e infatti oggi Mazzarrone, grazie all’uva da tavola, è conosciuto in tutto il mondo”.

“Negli ultimi anni, Mazzarrone, è cresciuta tantissimo – ha continuato il sindaco di Mazzarrone –. Per quanto ci riguarda siamo alla fine dei quattro anni di amministrazione e possiamo ritenerci soddisfatti di quello che abbiamo realizzato, grazie alla collaborazione dei cittadini mazzarronesi. Lavorando con parsimonia, grazie al costante impegno dei funzionari del Comune, siamo riusciti a garantire tutti i servizi ai cittadini e ci apprestiamo ad approvare il prossimo bilancio 2021 con grande ottimismo. Nel 2020, in un anno di profonda crisi mondiale, abbiamo dedicato importanti risorse finanziare per aiutare le famiglie in difficoltà: 130 mila euro per ridurre il canone idrico e circa 70 mila euro per ridurre le tasse alle categorie più colpite dalle chiusure causate dall’epidemia da Covid-19”.

“Oggi non è facile gestire i lavori pubblici e nonostante ciò – ha aggiunto Spata – abbiamo ottenuto importanti finanziamenti relativi alla realizzazione degli interventi di ammodernamento e potenziamento della nostra città. Grazie a 6,5 milioni di euro stiamo ristrutturando le scuole di Mazzarrone; i nostri ragazzi saranno ospitati in strutture nuove e all’avanguardia. In tempi record, nonostante la pandemia, abbiamo completato i lavori di ristrutturazione del palazzo comunale con un importo di 525 mila euro. Stiamo lavorando sulla ripavimentazione delle strade, sugli spazi verdi e sulla sicurezza del paese, installando diversi dissuasori di velocità nelle arterie più trafficate. Il nostro campo sportivo è stato rimodernato con un campo erboso di alto livello; realizzeremo dei parcheggi, un’area fitness, una nuova tribuna coperta da 500 posti e una pista di atletica leggera”.

Mazzarrone si è qualificata sempre più come significativa realtà economica, che dalla coltivazione della vite da uva da tavola a marchio IGP e dalla laboriosità della sua gente, trae la sua risorsa principale per costituire esempio virtuoso di imprenditoria siciliana. “Speriamo che quest’anno, pandemia permettendo, si possa organizzare il Festival internazionale dell’uva da tavola Igp di Mazzarrone – ha concluso il sindaco Giovanni Spata -, la nostra importante manifestazione che ogni anno porta a Mazzarrone migliaia di persone. Durante quest’ultimo anno di legislatura lavoreremo per Mazzarrone e per i cittadini mazzarronesi. Abbiamo tanti progetti per il futuro”.

Biagio Tinghino

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684